CCCP 1985 intervista 5 luglio parte1 Storie di Musica ep. 2

0
206 views
CCCP 1985 intervista 5 luglio parte1

CCCP 1985 intervista 5 luglio parte1

Quello che state per ascoltare è un documento storico che fotografa un epoca importantissima per la musica italiana, dove Giovanni Lindo Ferretti racconta la nascita dei CCCP, le origini, le idee, lo stile, la musica, la filosofia della loro musica.

CCCP 1985 intervista, era il 5 luglio, e sui CCCP all’epoca si sapeva tutto e niente; tutti dicevano di conoscerli, di averli visti dal vivo, tutti ne parlavano, se ne parlava durante i concerti di band italiane, ne parlavano anche tutte le band italiane di un “certo livello”, ne iniziavano a parlare anche le riviste musicali, quelle serie, quelle che avevano un peso ed un certo credito.

In realtà non se ne sapeva poi così tanto, certo qualcuno aveva ascoltato il loro primo singolo che conteneva tre canzoni, brani che fecero la storia della musica punk italiana.

Li incontrai il pomeriggio del luglio 1985 a Roma, piazza Vittorio e faceva molto caldo.

Arrivammo con la mia fiat 500 giardinetta (credo), ci andai con Paolo F. eravamo molto curiosi di conoscere e di incontrare quello che sarebbe divenuto di li a poco, uno dei più influenti gruppi punk italiani.

Una band davvero strana, comparsa dal nulla e con un nome decisamente “altisonante”. Come dicevo, non se ne sapeva più di tanto, si sapeva solo che si chiamavano CCCP Fedeli alla Linea, avevo ascoltato il loro primo singolo, fino ad allora l’unico, un disco dove c’erano brani che poi fecero la storia del punk italiano: Live in Pankow, Spara Jurij e Punk Islam, l’anno dopo uscì “Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti e noi….“.

Fu un incontro decisamente surreale, l’intervista si svolse in macchina dove faceva un caldo pazzesco; eravamo io e Paolo F, la nostra fiat 500 giardinetta, e quel pennellone con gli occhi scavati da matto vero, se non ricordo male c’era anche Annarella (ad un certo punto dell’intervista si sente che ci chiede di spostare la macchina).

Doveva essere una intervista di cinque minuti, ma diventò una sorta di racconto di vita che andò avanti per quasi un ora, con un Ferretti che era un fiume in piena.

Ne ho estratto le parti salienti, e questa è la prima parte dell’intervista.

CCCP 1985 intervista

 

Ti potrebbe interessare:

CCCP 1985 l’intervista ritrovata Fedeli alla Linea

38 artiste italiane emergenti, la rivoluzione è donna

L’altra faccia della nuova musica italiana i 15 dischi

30 dischi italiani 2023 la non classifica

La musica italiana cambia ecco 10 artisti emergenti

Discografia essenziale CCCP

LP.

1986 – 1964-1985 Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti e noi – Del conseguimento della maggiore età
1987 – Socialismo e barbarie
1989 – Canzoni preghiere danze del II millennio – Sezione Europa
1990 – Epica Etica Etnica Pathos

Singoli:

1984 – Ortodossia
1987 – Oh! Battagliero/Guerra e pace
1988 – Tomorrow (Voulez vous un rendez vous)/Inch’Allah – ça va (con Amanda Lear)
1990 – Ragazza emancipata/Tien An Men/Trafitto
1990 – Amandoti/Annarella

Consorzio Suonatori Indipendenti discografia essenziale

Album

1994 – Ko de mondo
1996 – Linea Gotica
1997 – Tabula rasa elettrificata

Singoli.

1994 – Celluloide/Del mondo
1994 – A tratti (Datura remix)
1996 – Buon anno ragazzi
1997 – Tutti giù per terra
1997 – Forma e sostanza
1997 – Forma e sostanza (remixes)
1997 – Matrilineare
1997 – Mimporta ‘nasega
2001 – Noi non ci saremo