Gianmarco Ferri On the Scene il nuovo album 2024

0
43 views
Gianmarco Ferri On the Scene

Gianmarco Ferri On the Scene il nuovo album 2024

On The Scene feat. David Kikoski è il primo album da leader del chitarrista e compositore molisano Gianmarco Ferri, disponibile in CD e digital download/streaming dal 19 aprile 2024 e distribuito da IRD International e Believe Digital e preceduto dai singoli Mirage (5 aprile 2024) e So Close (12 aprile 2024).

‘’Entering the studio with Gianmarco and the guys, I discovered a young guitarist whose sound and feeling defy his age. His endless flow of ideas made playing alongside him a pleasure. I foresee great things in his future and am delighted to be part of this recording with his fantastic band.’’ Dave Kikoski

Il disco di Gianmarco Ferri On the Scene rappresenta un’emozionante collaborazione tra il giovane e talentuoso chitarrista Gianmarco Ferri, astro nascente del panorama jazz italiano e il rinomato pianista americano David Kikoski, autentico maestro del Jazz contemporaneo che ha contribuito in modo significativo al progetto, portando la sua maestria pianistica e la sua sensibilità musicale per aggiungere profondità e complessità alle tracce.

L’album vede inoltre la partecipazione di Stefano Battaglia al contrabbasso, Luca Santaniello alla batteria e il featuring di Marcello Allulli al sassofono tenore sulla ballad So Close.

Il leader seleziona per questa session 4 composizioni originali e 3 reinterpretazioni di standard, evidenziando il suo consolidato rapporto con la tradizione del jazz e il suo sguardo in avanti con una scrittura dai colori marcatamente postbop. Il suo è un jazz che coniuga ricerca armonica, originalità melodica all’interno del linguaggio bop e un approccio ritmico gioioso e ricco di dinamismo. La sua idea di swing, infatti, incarna l’ardente desiderio di esprimersi e di connettersi con gli altri attraverso il potere unificante della musica e del movimento.

Il disco di Gianmarco Ferri On the Scene si apre con Kiko’s Delight, un esempio di nuovo bop che si distingue per l’organicità della sua melodia, suonata all’unisono dal pianoforte e dalla chitarra. Il brano è basato sull’armonia del celebre brano di Tadd Dameron ‘’Tadd’s Delight’’e si muove su una pulsazione medium swing sostenuta su cui si susseguono le energiche improvvisazioni di Kikoski e di Ferri che, mostra subito la propria maturità e il relax del suo eloquio. Seguono gli scambi tra il contrabbasso di Battaglia e di Santaniello alla batteria prima del ritorno del tema.

New Hope è un altra composizione originale, basata sul groove del celebre brano ‘Poinciana’ di Nat Simone, famosissima nella versione di Ahmad Jamal. La melodia di “New Hope” è vivace e allegra ed evoca un senso di ottimismo. Il bridge del brano, invece, è caratterizzato da un cambiamento di atmosfera dalla qualità più bluesy.

Segue Mirage, un blues in D  dai colori marcatamente moderni e caratterizzato da un groove 12/8.

Dopo l’esposizione del tema, i solisti costruiscono i propri soli, dapprima sul vamp e sugli obbligati del tema, caratterizzato da un’atmosfera misteriosa, per poi svilupparli sul tempo “in quattro”, fornendo così varietà e dinamismo all’esecuzione.

Ascolta il disco di Gianmarco Ferri On the Scene

È la volta di So Close. Dopo la magistrale introduzione di Kikoski in cui la cantabilità si sposa con un ampio e avventuroso spettro armonico, l’ascoltatore è trasportato in un viaggio emozionale che porta al tema, intriso di un’aura crepuscolare ed esposto dal sassofono tenore di Marcello Allulli nelle A e dal Gianmarco Ferri nella B. Un tema di rara bellezza che evidenzia la maturità compositiva del leader a dispetto della sua giovane età.

Unit 7, composto dal celebre bassista Sam Jones, è il personale omaggio del leader al leggendario chitarrista jazz Wes Montgomery, di cui incorpora alcune delle principali caratteristiche stilistiche e di arrangiamento. Il bounce ritmico è frizzante e scorrevole, alternato qua e là da swinganti colpi di scena e cambi di mood. Su questi binari scorrono le improvvisazioni del leader, di Kikoski e di Battaglia.

They Say It’s Wonderful, la celebre canzone di Irving Berlin, viene interpretata dall’ensemble in modo essenziale mettendo in risalto la bellezza e l’essenza della melodia stessa. Un’opportunità per esplorare e apprezzare appieno la forza del tema e la capacità di comunicare emozioni senza la necessità di ulteriori elementi decorativi.

The Song is You è un brano classico del repertorio jazzistico che, eseguito in duo con pianoforte e chitarra, acquisisce un’eleganza e un’intimità straordinarie. La combinazione del pianoforte, con la sua capacità armonica e melodica, e della chitarra, con la sua versatilità ritmica e improvvisativa, offre un’interpretazione coinvolgente e sofisticata. La delicatezza delle armonie e la ricchezza timbrica della chitarra si fondono magnificamente con la ricchezza armonica e la sensibilità melodica del pianoforte, creando un’esperienza musicale coinvolgente e emozionante. In questa esibizione, la complicità e l’interplay tra i due strumenti si traducono in una performance avvincente e indimenticabile, che celebra in modo superbo il fascino intramontabile del jazz classico.

Ti potrebbe interessare:

Viola Smith la batterista jazz degli anni 20

Killing in the Name versione jazz della Brass Against

40 dischi jazz/rock fusion imperdibili

Kacey Musgraves Deeper Well la recensione del nuovo album 2024

Gianmarco Ferri On the Scene il nuovo album