Home New Music Vivaldi Metal Project, EpiClassica Mistheria, recensione.

Vivaldi Metal Project, EpiClassica Mistheria, recensione.

0
Vivaldi Metal Project, EpiClassica Mistheria, recensione.
Vivaldi Metal Project, EpiClassica.

Vivaldi Metal Project è un interessante progetto a carattere symphonic-metal che mette insieme volti importanti del panorama metal, sotto la guida di un unico “direttore d’orchestra”, noto sotto lo pseudonimo di Mistheria.

Il tastierista e compositore italiano vanta all’attivo numerose collaborazioni con artisti di livello internazionale (Tony MacAlpine, Virgil Donati, Neil Zaza, Mark Boals ecc), da qui l’idea di mettere insieme quasi duecento musicisti per realizzare un’opera racchiusa in un doppio cd – EpiClassica -, secondo lavoro in studio targato Vivaldi Metal Project.

Con il primo lavoro – “The Four Seasons” 2016 – i Vivaldi Metal Project realizzano un concept in cui l’idea di base è il parallelismo tra le ”4 stagioni” e i cambiamenti della vita umana – visti appunto come stagioni della vita -. EpiClassica riprende il concetto di cambiamento espresso nel primo lavoro, andando ad esplorare però quelli che sono gli aspetti di cambiamento emotivo ed interiore dell’essere umano.

La peculiarità di questo doppio cd è quella che ogni brano si ispira ad un brano classico, prendendone armonie e melodie di base per rielaborarle nella ricerca di un filo conduttore che riporti al leitmotiv del concept. Troviamo quindi citazioni dei temi melodici classici di autori come F. Chopin, JS Bach, G. Fauré, F. Schubert, J. Brahms, F. Liszt, C. Saint-Saens, A Dvořák, LV Beethoven, WA Mozart e T. Albinoni, rivisitati ed arrangiati in chiave metal.

Il connubio tra musica classica e metal è cosa assodata già da diversi decenni, molte band e musicisti del passato hanno utilizzato arrangiamenti, armonie, citazioni, ri-arrangiamenti orchestrali e quant’altro per valorizzare i propri brani, consacrando lo strettissimo rapporto concettuale tra un certo tipo di metal e la musica classica.

Proprio per gli estimatori del genere, EpiClassica rappresenta un bel concentrato di classicità di estrazione barocco/romantica, in cui ad atmosfere orchestrali si intrecciano arrangiamenti tipicamente power-metal. Particolare spazio è stato dato alla componente corale, che sapientemente alterna vocals liriche a fraseggi hard-rock carichi di epicità. La cura delle soluzioni armoniche rende particolarmente interessanti gli arrangiamenti, ulteriormente valorizzati dalla presenza di nomi importanti del panorama metal internazionale, che non fanno che arricchire quest’opera di soluzioni musicali, donando all’ascoltatore un concentrato di solisti di raro valore.

Complessivamente EpiClassica risulta un progetto dall’alto peso specifico in termini di qualità musicale, seppure in un contesto metal ormai radicalmente cambiato negli ultimi anni, appare un prodotto quasi di nicchia, che risulterà senz’altro apprezzato dagli amanti del power-metal di stampo ’90, ma soprattutto da chi ama il connubio metal/sinfonico. Questa impegnativa opera sinfonica probabilmente non farà gridare al miracolo per idee e soluzioni innovative, ma rappresenta il coronamento di un minuzioso e dispendioso lavoro di ricerca musicale, giustamente valorizzato da artisti all’altezza della situazione.

Stefano di Ielsi.

Vivaldi Metal Project – EpiClassica: Tracklist:

DISC ONE:
1) Deposuit Potentes 02:12
2) Threshold of Miracles 06:23
3) Tears to Splendor 05:43
4) Dies Irae 04:59
5) Never Ashes Again 05:21
6) Royal Overture 02:30
7) Hymn of Life 05:13
8) Symphony of Death 07:00
9) Revolutionary Odyssey 05:15
a. part 1: THE JOURNEY
b. part 2: THE REBEL
DISC TWO:
1) 1. ALIGHT 05:08
2) 2. THE ABSOLUTION 05:59
3) 3. MANIA 05:02
4) 4. POWER TAKE HOLD 05:44
5) 5. EVOLUTION 05:33
6) 6. THE EYE OF THE GUARDIAN 05:54
7) 7. DEEP CORE 06:25
8) 8. THE EMPIRE 06:13
c. part 1: PRELUDE OF THE TITANS
d. part 2: WRATH OF MORTALS
9) TRAGIC SERENADE 04:33

Ti potrebbe interessare: