Logical Terror Side Of The Unknow la recensione del disco

0
8 views
Logical Terror Side Of The Unknow

Se non vi siete spolpati le orecchie con le numerosissime uscite di questo mese, preparatevi ad accogliere nel vostro intasatissimo riproduttore musicale i modenesi Logical Terror con il nuovo album Side Of The Unknow.

Attivi ormai da quasi quindici anni (2009), il combo emiliano giunge al terzo lavoro in studio, a distanza di sette anni dall’interessante “Ashes Of Fate” – 2016 -.

Logical Terror Side Of The Unknow recensione

Sono direttamente i due frontman Julius Morse ed Emiliano Gozzi che raccontano dei numerosi cambiamenti in questi ultimi anni e nonostante le difficoltà dovute all’epidemia pandemica, il lockdown ha permesso alla band di dedicare molto tempo alla stesura di numerosi demo, che in un secondo momento si sono concretizzati in brani veri e propri, grazie al notevole supporto dell’amico e produttore Eddy Cavazza (Silent Ghost Production).

Il quintetto si presenta all’ascolto con un solidissimo New Metal dai suoni asciutti e spigolosi, emergono sin da subito sfumature tipicamente Industrial anni ’90, sapientemente aggiornate ad una produzione decisamente più moderna, vicina a sonorità di band di spicco quali Gojira, Amorphis, Soen ecc.

Il riffing è roccioso e coriaceo, in cui i diversi strati sonori creano un’atmosfera estremamente profonda e satura di toni bassi. Le parti ritmiche spiccano per definizione e pulizia dei suoni al limite del sintetico, il che dà modo alle diverse vocalità presenti in questo disco, di emergere e valorizzare il continuo contrasto di stile tra voce classica e quella growl – “The FInal Nightmare” -.

La pesantezza del basso spicca in modo particolare lì dove i numerosi break di sovrappongono ai tappeti di synth, in un piacevole contrasto ritmico tipico delle produzioni di fine ’90 inizi ’00 – “Multiverse Of Madness”, “Sold.W.Hudson” -. I tappeti armonici sono spesso lasciati alle tastiere e ai chorus vocali, così da dare respiro alle parti più serrate e vorticose e, in brani come “Time Zone”, riuscendo anche a catturare l’orecchio per semplicità ed efficacia melodica.

I Logical Terror realizzano senz’altro un lavoro in linea con le migliori produzioni del settore, alcuni dei brani di “Side Of The Unknow” spiccano per immediatezza d’ascolto, soprattutto dove la componente melodica riesce a compattarsi con le linee ritmiche, sempre molto ben curate ed eseguite. Lavoro vivamente consigliato a chi ha amato, e ama tuttora, band come i Fear Factory, Arch Enemy, Primal Fear ecc.

Stefano Di Ielsi

Logical Terror Side Of The Unknow tracklist

1. The Final Nightmare
2. Multiverse Of Madness
3. Sides Of The Unknown
4. Down The Drain
5. Sold.W.Hudson
6. Time Zone
7. Everlasting Darkness
8. Not A Part Of This
9. Dreamscape
10. The Animal With Thousand Eyes

Logical Terror Side Of The Unknow Line-Up:

Emi: vocals
Sic: vocals
Ash: guitars
Sid: bass
Fede: drums

Ti potrebbe interessare:

10 album anni 90 che non tutti conoscono

Perfect View Bushido la recensione del disco 2023