The Clash e Joe Strummer gli inarrivabili

0
2.069 views
The Clash e Joe Strummer

Quando si pensa al Punk la mente va subito ai Sex Pistols e non ai The Clash o a Joe Strummer, forse perché nell’immaginario collettivo hanno rappresentato una parte, seppure artefatta, di un cambiamento musicale e generazionale planetario che non ha avuto eguali nella storia recente.

Eppure se dovessimo analizzare più a fondo il concetto di rivoluzione musicale, vengono subito in mente The Clash e Joe Strummer, figura emblematica, lucida e razionale, seppure in un contesto irrazionale, certo è una contraddizione in termini, ma è proprio sulle contraddizioni che spesso si basa la ricerca della verità laddove l’irrazionalità diviene metodo senza neanche cercarlo.

I The Clash sono stati tutto questo sin dai primi passi, è chiaro anche che nessuna altra band del genere ha mai avuto una figura così importante e determinata, un uomo convinto delle proprie idee, sfrontato incosciente, arrogante al punto giusto ma estremamente intelligente e lucido, perchè la “White Riot” era una rivolta di un popolo fatto di identità diverse ma con uno stesso obbiettivo, e la fusione del reggae nella loro musica ne è un esempio folgorante.

Joe Strummer  si pone da caposaldo e da rompighiaccio in un periodo storico in pieno fermento ma allo stesso tempo repressivo, e le sue coerenti posizioni politiche lo hanno reso credibile agli occhi del mondo, perché se i Pistols erano poco più di una maschera, i Clash hanno avuto la determinazione di costruire fondamenta salde che ancora oggi reggono l’usura del tempo.

Il futuro non è ancora scritto

prince faster

The Clash e Joe Strummer

Il Film Documentario diretto da Julien Temple

Questa la prima parte di di sei di una interessantissima intervista a Joe Strummer,

Alla fine di questo filmato vi apparirà la seconda parte e così via.

Ti potrebbe interessare:

1977 musica le 10 canzoni imperdibili da riascoltare

20 dischi da avere 1997 venti anni fa la musica

10 dischi degli anni 70 che non tutti conoscono

Gli anni 70 in podcast