The Beatles Strawberry Fields Forever incisione 8 tracce

0
3.204 views
Strawberry Fields Forever The Beatles
The Beatles - Strawberry Fields Forever image via youtube

Strawberry Fields Forever dei The Beatles lo conoscono anche i sassi, stiamo parlando di un capolavoro sia dal punto di vista di arrangiamento, testi, suoni, ma anche come incisione, difatti questo brano venne registrato con due registratori a bobina da un pollice (4 tracce).

Ora, chiarito questo, la cosa che mi ha fatto prendere carta e penna e scrivere questo breve pensiero è proprio il modo, e con quale apparecchiatura venne registrato il brano “Strawberry Fields Forever; erano due Studer E 39 (all’epoca appena usciti e oggi introvabili) a quattro tracce, quindi otto tracce complessive, quattro per apparecchio.

Nel brano dei The Beatles c’è davvero un mondo musicale, e un mondo di strumenti musicali.

Chitarra, basso, batteria, voci, cori e il “rivoluzionario” mellotron (all’epoca uno strumento appena immesso sul mercato), poi però nel brano troviamo una intera orchestra, ed ecco la cosa che mi ha fatto riflettere, come è stato possibile che tutti questi strumenti siano stati incisi su SOLAMENTE OTTO TRACCE!!

La tecnica di registrazione fu quella che usarono con tutta probabilità, tra gli altri, anche i Moody Blues per “Days of Future Passed” o Brian Wilson per registrare Pet Sound, lui però incise il disco con ben due Ampex ad otto tracce ognuno.

In pratica incidevano su un determinato numero di tracce che poi riversavano su una traccia singola e così via; sembra facile a dirsi, pensate però a quanti tagli di nastro, a quante sovra incisioni, e quante ore per un brano, in realtà la storia ci racconta che occorsero oltre 60 ore di lavoro per registrare questo solo singolo brano.

Mi sono più volte chiesto: come è possibile che un brano come Strawberry Fields Forever composto con tutti questi strumenti, orchestra inclusa, sia riuscito ad essere registrato con sole 8 tracce e suonare così bene!? Ma soprattutto, se oggi, ad esempio Phil Spector oppure Geoff Emerick (tecnico del suono dei Beatles), avessero avuto la possibilità di usare tecnologie moderne come ad esempio un computer, cosa avrebbero mai potuto fare.

Il brano The Beatles è un capolavoro di creatività non solo artistica, ma anche di ingegneria del suono e rappresenta quindi un monumento alla fantasia al potere.

Magical Mystery Tour venne pubblicato in mono.

Prince Faster

The Beatles Strawberry Fields Forever.

The Beatles.

Strawberry Fields Forever fa parte del gruppo delle 16 canzoni registrate durante la sessione di lavoro per il concept album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band. Le macchine di studio utilizzate nell’incisione furono una coppia di Studer a 4 tracce J39.

Il titolo provvisorio della canzone era It’s Not Too Bad, e Geoff Emerick, il tecnico del suono, la ricorda come «Proprio una grande, grande canzone, sin dalla prima volta che John ce la fece sentire, accompagnandosi solo con la chitarra acustica.»

La registrazione di Strawberry Fields Forever dei The Beatles  iniziò il 24 novembre 1966, nello Studio 2 di Abbey Road e richiese 45 ore, distribuite in circa 5 settimane. La band registrò tre diverse versioni del brano.

Dopo che Lennon suonò la canzone agli altri Beatles con la sua chitarra acustica, il gruppo registrò il primo take. Lennon suonava una chitarra Epiphone Casino; McCartney suonava il mellotron, un nuovo strumento fatto conoscere ai The Beatles da Mike Pinder dei Moody Blues; Starr suonava la batteria; e Harrison la chitarra elettrica.

Il primo provino iniziava con il verso, «Living is easy…», senza la strofa, «Let me take you down», che compare nella versione finale. L’ultimo verso, «Always, no sometimes…», ha un’armonia in tre parti, con McCartney e Harrison che intonano “un sognante controcanto”. Questa versione fu presto abbandonata e dovette attendere il 1996 per essere pubblicata sull’Anthology 2.

Quattro giorni dopo, il 28 novembre 1966 la band si ritrovò per provare un differente arrangiamento. La seconda versione della canzone vede l’introduzione di McCartney al mellotron seguita dal ritornello. Registrarono cinque provini della traccia di base (due dei quali erano false partenze) e l’ultimo di questi fu scelto come migliore e conservato per successive sovraincisioni.

La voce solista di Lennon fu registrata con la velocità del nastro aumentata, di modo che suonata alla velocità normale la sua tonalità risultasse alterata, dando alla voce un suono ovattato. Questa versione fu usata per i primi minuti della registrazione pubblicata.

Fonte Wiki

Ti potrebbe interessare:

David Bowie Sanremo 1997.

10 dischi degli anni 70 che non tutti conoscono.

1977 le 10 canzoni che cambiarono la musica.

Creep dei Radiohead la cantano tutti, 19 cover.