Due nuovi dischi da Zaliva-D duo multimediale di Pechino

0
170 views

Di Alex “Amptek” Marenga

Zaliva-D è un duo composto da Li Chao (per la musica) e Aisin-Gioro Yuanjin (per i visual), un progetto multimediale di stanza a Beijing (Pechino) iniziato nel 2003.
“Forsaken” è il loro quarto album, ma il primo album ad essere stampato anche in vinile dall’etichetta “Knekelhuis” di base ad Amsterdam.

Mentre l’e.p. “Calling”, distribuito nel luglio 2019, è targato dall’etichetta di Shanghai “SVBKVLT”.
Quindi quest’anno Zaliva-D sfornano ben due prodotti per due etichette distinte che mettono ben in luce la proposta creativa del duo.

La Cina elettronica

Come le innumerevoli uscite di questi ultimi anni stanno mettendo in luce la musica elettronica è uno dei perimetri più originali dell’esplosione culturale di massa messa in moto alla grande espansione economica cinese.

Un grande calderone di popular music fermenta sia mutuando pedissequamente i linguaggi del mainstream occidentale che ospitando interessanti spaccati di un underground creativo ed originale.

La tecnologia permea lo sviluppo urbanistico e industriale del paese spostandolo dalla dimensione contadina a quella di uno dei leader dell’economia capitalista del XXI secolo.
Convergono in questa musica elettronica logiche e forme mutuate dalle tradizioni millenarie ricodificate digitalmente attraverso i rumori neo-futuristi dell’industrializzazione massiccia e dell’urbanizzazione iper-modernista. Etichette come la SVBKVLT , D Force Records, Chinabot.co propongo quantità infinite di artisti asiatici sempre più presenti anche nei club e nei festival occidentali.

I due dischi di Zaliva-D

In questa cornice il sound di Zaliva-D è impregnato di textures e ritmiche asiatiche su timbriche scure e post-industriali che richiamano i momenti più rarefatti e oscuri del Vangelis di Blade Runner, quelli che evocavano la megalopoli multietnica della Los Angeles 2019 di Ridley Scott.

“Forsaken” si apre con “Can’t Go Back” brano che incarna proprio il paradigma fra le atmosfere di percussioni tribali e un tema vocale asiatico inframezzato da voci distorte e glitchate. Il brano di apertura sembra evocare il tenebroso mantra di un oriente sotterraneo digitalizzato.

“Faraway” e “Wicked” fra distorsioni e ritmiche spezzate mantengono salda la direzione futuristica-dark che caratterizza dall’album.
“Gone with the Pest” è costruito su un vocalizzo deformato e una ritmica industriale spezzata, “Path” è un mantra lento e ipnotico su atmosfere sotterranee e inquietanti.

“Calling”, l’e.p. su SVBKVLT, contiene 7 brani molto più ritmici, “Flutter”, è una traccia che evoca atmosfere urbane notturne costruita su una sequenza circolare di synth e una voce surreale, “Calling” si incentra su un loop percussivo avvolto in una texture oscura sulla quale si dipanano percussioni metalliche e voci deformate, “Groan” è un brano più spezzato e rallentato scandito sempre da un mix ritmico di interventi percussivo-vocali, “Itself” è basato su un raga vocale di voci asiatiche sulle quali si snoda una percussione ossessiva.

Vi sono poi tre remix, il primo di Felicia Chen (aka Dis Fig) che accentua la dimensione industriale dei suoni introducendo distorsioni e voci avvolte da lunghi reverberi. Felicia preleva le note della sequenza originaria e ne accentua la velocità e gli dà una dimensione ritmica più sincopata e ne avvicina la dimensione sonora al suo stile graffiante e industriale.

Il secondo remix “Groan” è affidato a Citizen Boy, Sboniso Brandon Luthuli, artista di Durban, che accelera il brano originale che pur restando spezzato prende una dimensione più ballabile, il terzo remix, sempre di “Calling” è della dj argentina Tayhana, che trasporta il brano in una dimensione decisamente più techno a chiusura dell’e.p.

In un mondo interconnesso, in cui le possibilità di scambio e di contaminazione rendono sempre più sbiadite le identità culturali, dove esplode ovunque un mainstream appiattito sui modelli commerciali dominanti, un fermento sonoro da cui emerge, tra l’altro, una forte presenza femminile proviene da quelle ex-periferie che si stanno trasformando in centro, siamo qui per ascoltarlo.

https://svbkvlt.bandcamp.com/album/calling

https://knekelhuis.bandcamp.com/album/kh020-zaliva-d-forsaken