Libertà.

6
676 views
freedom

Diciamoci la verità è proprio una bella parola, molti dicono che gli itagliani non se la meritano, chissà perchè.

[youtube width=”200″ height=”150″]http://www.youtube.com/watch?v=o-d5x-CiTUs[/youtube]

E perchè solo noi itagliani non la dovremmo meritare!?!? e i greci? gli svizzeri? uno dei popoli più razzista, o i polacchi ad esempio?! gli itagliani non sono emancipati, non si sono mai affrancati dall’ignoranza, (ma quale popolo lo è realmente), noi forse lo siamo meno di altri questo è vero, ma la libertà è una cosa che si conquista col sangue e con la spada, la penna vale poco, e noi siamo grandi scrittori ma poco avvezzi all’arte della pugna.

Come tutti i popoli latini o marinari siamo un po come le onde, andiamo e veniamo, cambiamo spesso umore, stato d’animo, faccia, non disdegnamo la tirannia, ci piace essere taglieggiati per poi dirlo al vicino di sdraio, però basta un po di musica e un paio di scarpe nuove e giriamo tutto il mondo, perchè forse quello nostro non ci piace troppo. Abbiamo uno strano modo di gestire la libertà, la nostra è sacra, quella degli altri…chissenefrega! ce ne freghiamo al punto da agglutinare tutta una serie di regole che valgono solo per gli altri.

Prendiamo ad esempio la libertà di pensiero e internet, io scrivo qualcosa su questo sito, è il mio, ne sarei responsabile, scrivo qualcosa di assolutamente falso consapevolmente, che so, faccio un esempio in musica, il batterista dei beatles era Eros Ramazzotti, e ammettiamo per un solo momento che dire una cosa del genere comporti una ammenda, chi paga? io naturalmente, perchè ognuno è responsabile delle proprie azioni, questa è la regola, ma sembra che su internet questa regola non valga.

L’affare Google.

Condannata in merito al filmato del ragazzino down picchiato in un istituto tecnico italiano, google non ha voluto togliere quel filmato ed è stata condannata.

Lasciarlo per rendere pubbliche le nefandezze degli italiani, o toglierlo per non rischiare l’emulazione? bel dilemma, ma una cosa è chiara, quel video era vero, chi lo ha inserito è il solo colpevole, google è solo la cattiva coscienza di questo paese, chi dovrebbe essere condannato sono le famiglie, la scuola e questo stato che non è stato in grado di spiegare a chi ha commesso il fatto, che una persona down è migliore di loro!

prince faster

6 COMMENTI

  1. non ho visto il video, ma la verita’ secondo me va sempre divulgata, quindi non andrebbe tolto, si chiama censura, andrebbe criticato, andrebbero stigmatizzati i comportamenti violenti, andrebbero puniti i singoli partecipanti alla violenza, andrebbe risarcita la vittima, la registrazione in se’ non ha colpe.
    verde non era previsto? va a finire che le cose impreviste sono le migliori… 😀

  2. siamo poco avvezzi all’arte della pugna, ma siamo fenomeni in quella della pugnetta! (ci mette un pò, ma poi arriva!)

Comments are closed.