Saluti e Baci

190
11.464 views
rai-fine-trasmi[1]

Con la morte nel cuore, dalle ore 15.00 di ieri non faccio più parte di Radio Rock.

 

190 COMMENTI

  1. Hai la mia massima stima ed incondizionata approvazione. Non so se sarei riuscito a fare altrettanto al tuo posto …

  2. Dicci dove andrai a trasmettere…molti ti seguiranno 😉

    Ps per caso ha a che fare con la geniale intervista di oggi ?

  3. Io sono un vecchio ascoltatore di radio rock (52 anni) e ho sempre pensato , specie negli ultimi anni, che Prince faster fosse Radio Rock. e fosse un ponte tra la storica radio e quella attuale che ancora non ha una sua dimensione ne uno spessore all’altezza della fama che aveva… Io non posso che ringraziarti Price faster per avermi dato tanto in questi anni e per come mi hai aiutato a crescere nell’ascolto della musica… sarò un po’ più povero culturalmente da oggi….

  4. sono cresciuto nel vero senso della parola con il tuo spazio, con la tua musica, mi hai fatto conoscere quasi tutta la musica che ora ascolto e te ne sarò sempre grato,,,

    il pomeriggio nn sarà più lo stesso, come già da tempo nn era più lo stesso il sabato pomeriggio senza il tuo spazio dalle 15 alle 18,,, e come nn sarà più la stessa la mattina di Natale senza la tua trasmissione, questa mi mancherà da morire

    speriamo di risentirti da qualche altra parte, lo spero veramente,,,

    DAJE,,,,

  5. Prince, chiederti di ripensarci e restare sarebbe egoista.
    Ti ringrazio per il tuo modo di pensare e di ascoltare. Grazie a te ho scoperto tanta, bellissima musica.
    Rimane l’ispirazione che sai dare e gli spunti che sai donare: quelli, spero che continueranno a vivere, se non su Radio Rock, almeno da qualche altra parte o comunque su questo blog!
    FASTER, Harder, BETTER!!!

  6. Senza morte … ma con molto dispiacere …

    Le scelte si fanno con il cuore e con il cervello …
    Potrei dirti che la mia scelta di non sentire RR è con la morte nel cuore

    Ma se la mia testa, ed il mio cuore hanno fatto questa scelta, beh, dico che non è con la morte nel cuore, ma con estremo coraggio. Poi dispiace, certamente… il fatto di lasciare un percorso, una serie di amici, o comunque conoscenti, che facevano parte della nostra sfera di quel mondo.

    Pertanto, in base a questo certo ci mancherà, certo ci mancherai, ma le nostre strade vedrai.. si incroceranno ancora, nell’etere o nel reale, nel virtuale rimaniamo .. abbiamo ancora tante idee da sentire dalla tua bocca, tante opinioni da scambiare.

    In bocca al lupo Sandro per il nuovo percorso che intraprenderai, e vedrai che almeno te, sei sempre lo stesso, non avrai problemi ad inserirti in altri contesti.

    Ci saranno altri che, non avendo compreso bene lo stile di vita, avra’ qualche problemino in piu’ … ma fa parte della vita… che non è la nostra in questo caso.

    Rizla

  7. NOOOOOOO MO PURE TE……..MO LA RADIO NON AVRA’ PIU’ MOTIVO DI RIMANERE ACCESA…….STO’ CAZZONE DI EMILIO PAPPAGALLO STA’ ROVINANDO LA RADIO……….MO TOCCHERA A GIANNOTTI POI ARMANDINO E MARGUS E POI LA RADIO ANDRA’ IN MALORA…..POVERO PAOLO CHE SI STA’ INCAZZANDO A VEDERE CIO’ CHE SUCCEDE…….CIA PRINCE TI CONOSCO SOLO TRAMITE RADIO MA SEI UN GRANDE COME ERA GRANDE PAOLONE………………ARRIVEDERCI E FACCI SAPERE DOVE VAI ANCHE TRAMITE FACEBOOK

  8. Ciao Prince,

    il mio più grande rispetto per la scelta. Certe cose non possono passare nel merito e nel metodo. A costo di rimetterci personalmente nella cosa su cui si è investito di più nella vita. L’intransigenza spesso finisce a far rima con dignità e onestà intellettuale.

    Buona fortuna, e sappi di avere sempre un orecchio attento.

  9. Grandissimo rispetto per la scelta, senza te ed armandino avrà molto poco senso ascoltare radio rock.

  10. Ho smesso di ascoltare radio rock anni fa perché non sopportavo più la deriva mazzulliana che aveva riempito la radio di sgallettate col compito di parlare del nulla ignorando persino la stessa musica che stavano mettendo. Allora l’ho fatto con la morte nel cuore proprio perché mi privavo di un punto fermo della mia vita, di cui facevi parte di diritto. Oggi sono contento che anche tu te ne sia andato da quella radio così dequalificata (meglio tardi che mai) e spero presto di riascoltarti da qualche altra parte. Sicuramente sono tanti i tuoi EX ascoltatori che vorrebbero tornare a seguirti.

  11. mi sembra davvero assurdo! non riesco a credere a questa notizia. piango, perché con te fuori da radio rock se ne vanno molti anni passati ad ascoltarti mentre si era intenti a crescere

  12. Hai fatto benissimo. Ho smesso di ascoltare RadioRock anche io una decina di anni fa, quando con la scusa dello “spirito rock” della musica passavano qualsiasi genere, quando è diventata una radio quindi poco rock, con poca musica e un sacco di parole, parole, parole…
    Detto questo, dare la voce ai fascisti che, ricordiamo, in quanto tali si trovano in stato di reato costituzionale sancisce l’inutilità di RadioRock Roma.
    Casapuoud viola la Costituzione e la Legge Scelba. E invece di metterli in galera gli danno voce? Disgusto onta e disonore!!!!!!

  13. Nooooo Sandrino….!
    non ci sono parole per ricordare gli anni passati (silente dal ’87, ’88 boh! mettevi i dischi all’Uonna con Paolone che faceva il buttafuori… e avevi pure i capelli!!) con la radio sempre accesa… tutti i vari personaggi passati per la radio, kazzoni o no ma tutti SEMPRE rispettosi dell’altrui pensiero, etnia, religione a parole e nei fatti!! e mo’ arriva sto ##### Pappagallo che permette a un ##### di ##### di insultare gratuitamente tutti noi… ma cacciate lui piuttosto che andare via voi!!! che valore democratico, umano, dialettico, ha espresso permettendogli di sproloquiare alla MIA radio!! dov’è il confronto con uno che se potesse ci riporterebbe indietro di 70 anni terminado l’opera dei 2 pazzi del secolo scorso!!! perdonate lo sfogo

  14. Prince, ti conosco solo per la tua trasmissione ma voglio ringraziarti per tutto quello che hai fatto alla radio. Mi hai fatto scoprire musica eccezionale (God is an Astronaut, from monument to masses, sigur ros, mogwai e molti altri) che ora è parte integrante della mia vita e l’ha resa migliore. TI sento da ormai qualche anno, prima mentre tornavo dall’università ora mentre torno dal lavoro e tu mi hai sempre accompagnato.

    grazie di tutto, spero di risentirti presto!

    Ruggero

  15. E’ un dolore, Prince. Ma in qualche modo è una conferma per me. Vuol dire che avevo validi motivi per apprezzarti così da anni.
    Lola.

  16. Che dire Sandro, quello che hai fatto per noi ascoltatori in questi anni è tanto e per quello che mi riguarda sei uno dei motivi per cui sono anni che ascolto la radio, sicuramente questa è l’ennesima mazzata dopo l’addio di Paolo, ma la passione per il tuo lavoro e il bene che vuoi a noi ascoltatori ti farà trovare nuove energie e motivazione per trasmettere la tua voce nell’aere… Ti aspettiamo da qualsiasi Frequenza

  17. apprendo la notizia da Hanoi attraverso i social network. L’unico legame con roma e la sua musica! pomeriggi interi ad aspettare quella sigla! quella voce inconfondibile e poi musica, musica e ancora musica…daje prince! ti aspettiamo sulle onde radio…qualunque esse siano!

  18. Ciao Prince, sono Ruggero quello che l’altro giorno ti ascoltava dall’Olanda. Dopo quasi venti anni che mi tieni compagnia mi mancherai da morire tu mi mancherà da morire la tua trasmissione… Un caro saluto.

  19. Ciao, Prince
    da vetusto ascoltatore e fondatore della radio (dai tempi di via Vecchiano) addirittura socio della cooperativa sociale RR, non può che DISPIACERMI la tua dipartita da RR, anche se me l’aspettavo. Immagino che l’intervista di questa mattina sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso….. La storia che ti porti dietro e gli attestati di stima che ho letto qui in bacheca, testimoniano la ragione della tua scelta. Il qualunquismo di Emilio non paga e non pagherà e l’emoraggia di ascoltatori sarà sempre maggiore così come quella degli inserzionisti pubblicitari.
    Pazienza dopo decenni ascolterò radio più banali ma RR non credo proprio, non fosse per solidarietà a te.
    Hasta la Victoria Siempre Prince.

  20. Sono tre i nomi che mi fanno acoltare Radio Rock circa 6 ore al giorno: Faster, Armandino e Giannotti. Credo che da domani le mie ore di RR si ridurrano a 2 la mattina..

    Tutto ciò (e parlo in modo molto egoista) a causa di incomprensioni interne alla Radio che secondo me andrebbero risolte invece che evitate. E’ vero che la Radio è un organismo vivente e con un’anima propria, ma è anche vero che questa è divisa in “spazi” che vengono caratterizzati dalla cultura personale (e perchè no, dalla VOLONTA’) dello speaker che li riempie. Secondo me non è giusto, in primis verso gli ascoltatori, che un’intera Radio venga fatta a pezzi e distrutta per la scelta di un singolo speaker.

    Ma, ripeto, il mio è un discorso molto egoista..

  21. Ma cosa è succeso principe? Per me la lua trasmissione è un punto di riferimento, tu sei radiorock, tu armando giannotti margus e paolo ovunque sia. non posso pensare una radio senza di te. grazie per la tua coerenza che dimostra ancora che persona speciale, a maggior ragione mi sembra impossibile non ascoltarci sui 106.6
    Giorgio

  22. Caro il mio principe… secondo me hai toppato! Per me non devi lasciare la radiolina, per quanto mi renda conto della posizione di principio, sacrosanta, e della difficoltà di condividere una linea editoriale che si è fatta nel tempo sempre più “contorta e controversa” ed alla quale forse non senti più di corrispondere, con la tua dipartita lasci il campo della contrapposizione ad un certo stato i di cose vuoto. Ripensaci, torna e continua a far valere la tua posizione con ragione, dialettica ed i modi straordinari che contraddistinguono il tuo modo di fare servizio pubblico (io il tuo modo di fare radio lo vedo così).
    Ripensaci per favore

  23. Grazie per la musica e per tutta la compagnia radiofonica che hai saputo regalare…
    Spero di sentirti presto su altre frequenze!!!

  24. Sandro, grazie per la tua coerenza e per 21 anni di formazione musicale gratuita. Spero di poterti seguire ancora, altrimenti tutti a giocare a tresette alla Cacciarella

  25. Sono tre i nomi che mi fanno acoltare Radio Rock circa 6 ore al giorno: Faster, Armandino e Giannotti. Credo che da domani le mie ore di RR si ridurrano ad 1 oretta prima di pranzo.

    Tutto ciò (e parlo in modo molto egoista) a causa di incomprensioni interne alla Radio che secondo me andrebbero risolte invece che evitate. E’ vero che la Radio è un organismo vivente e con un’anima propria, ma è anche vero che questa è divisa in “spazi” che vengono caratterizzati dalla cultura personale (e perchè no, dalla VOLONTA’) dello speaker che li riempie. Secondo me non è giusto, in primis verso gli ascoltatori, che un’intera Radio venga fatta a pezzi e distrutta per la scelta di un singolo speaker.

    Ma, ripeto, il mio è un discorso molto egoista..

  26. Massima solidarieta’ e stima per la tua decisione.
    Ti seguiro’ ovunque tu vada.
    Un abbraccio,
    Marco

  27. Seguo la radio e te dai lontani tempi del “Uonna Club”, sempre assolutamente silente.
    Ora sento la necessità di questa mia breve uscita pubblica solo per dirti che è la seconda volta che mi si stringe il cuore e verso alcune lacrime per quello che era uno splendente satellite che man mano si stà spengendo, sgretolando, e partendo proprio dallo storico fulcro centrale. Vedo il futuro di questi 106.6 come qualcosa di molto lontano da me, lontano da quello che ho sempre avuto sintonizzandomi, lontano da quello che avete creato.
    VOI, i soli VOI della VERA RR, rimarrete per sempre gli autori della colonna sonora dei ricordi di questo mio ventennio.
    Un GRAZIE VERO in attesa di risentire la tua voce.

    Stefano

  28. Mi sbaglierò sicuramente…e spero che al di la del “fatto in se” ci siano altre ragioni per lasciare RadioRock….Non credo che Emilio Pappagallo Due abbia sbagliato a invitare quell’individuo. Sul discorso di discuterne tra di voi prima di farlo sono daccordo. Credo che “dare voce” anche a chi non è un “giusto” (e ce ne sono in giro, anche se sono rari) non vuol dire essere 101% daccordo o rendersi complici dei misfatti (sempre che ci siano). Intervistare il Mostro di Firenze, e ascoltare la sua follia non ci rende Mostri di Firenze….Credo. Credo nella libertà di espressione…ho sempre la carta dell'”almeno t’ho fatto dire la tua”…per controbattere, per reagire, per discuterne, per costruire. FASCISTA! COMUNISTA!…BASTAAAA! Possibile che in Italia non abbiamo altri argomenti da 60 anni a sta parte?…Stanno facendo più “storia” altre nazioni in 2 mesi che noi in 100 anni!!! Ripeto…spero di riaccendere la Radio (a questo punto, qualsiasi Radio….) alle 6, quando esco dal lavoro…e risentire “sche scheredede….sckuuuuuuia!” (qualsiasi cosa dica)…e la tua voce che urla in 2 secondi “Buonaserabentrovatibensintonizzati”. Ora datemi pure addosso (andando a leggere sul mio profilo che sono un “nostalgico” ci saranno due milioni di persone contro di me, ma sento nell’anima e nelle azioni di tutti i giorni “il vero senso della democrazia” non i facili slogan). GRAZIE PRINCE PER TUTTO QUELLO CHE HAI FATTO E FARAI SICURAMENTE DA QUI IN AVANTI PER LA MUSICA…LA MUSICA….l’unica cosa che unisce davvero tutte le culture e tutti i “credo”. Grazie di cuore.

  29. Prince non fare cazzate e non lasciarci. Ascolto radio rock e soprattutto te da 15 anni almeno. Vivo a Londra da 9 e te mi hai sempre portato l’odore e l’umore della mia amata citta’.
    Torna

  30. Principe, solo una cosa.
    Giù il cappello per la tua decisione.
    Facci sapere dove andrai.
    A risentirci presto, spero 🙂

  31. Ero un vecchio ascoltatore di RR. Da tanto non la sento più, per motivi per lo più personali (cambiato città, ecc.).
    Ho ancora però un bellissimo ricordo di Prince. Che è più che confermato dal recente accaduto.

    Massima stima e solidarietà per questa decisione

  32. Mi spiace tanto Sandro. Per me radiorock sei tu, ma capisco le tue ragioni e le condivido. Razionalmente un altro dovrebbe abbandonare, perché è chi sbaglia che è giusto si assuma delle responsabilità, non certo te che sei stato, per centinaia di migliaia di noi, il sollievo di tanti pomeriggi trascorsi nell’inferno del G.R.A. e soprattutto un esempio di gioiosa coerenza. Ma come diceva quel tuo parente “sic transit gloria mundi”.
    Con affetto.

    Max

  33. la cosa incredibile era prince faster ancora in onda su rrock. la vera rrock è morta anni fa, con la fuoriuscita degli altri dj storici, il sopravvento di mazzullo, e l’avvento di armandino, pappagallo, djoreste & co.

    rrock resisteva tra le 18 e le 21, inspiegabilmente. ora non esiste più definitivamente, ma era solo questione di tempo..

  34. da silente a parlante mi ci volevo giusto questa…. concordo con la tua scelta, avrei fatto lo stesso. mi resta il rammarico di vedere la radio del cuore svilirsi sempre di più. Nelle tue tre orette mi co sono identificato per tanto tempo, ho ciucciato il tuo sapere musicale come un bimbo attaccato al biberon, guardo sempre più con simpatia quei 33 giri raccolti in libreria…..mi sento un po orfano, e con me la radiofonia a roma e oltre; per me il padre della musica sei tu e non solo; perché i tuoi duetti con tua moglie e il vampiro restano memorabili.
    ti seguirò di più su queste pagine con la speranza di risentire ancora la tua voce dietro un microfono.
    Un abbraccio
    fab

  35. NNNOOOOOOO!!!!!!!!!
    Già mi manchi, tanto, …..non ci posso credere!!!!!!! Reinventarsi il rock, la radio, la voce del proprio DJ che poi ti organizza pure le serate, le feste sul fiume, le degustazioni di rum non ce la posso fare!!!!! Dicci almeno dove sentirti.

  36. Ciao Sandro, provo tanta rabbia per questa radio che ho amato e che seguo dal 1986. Quanti ne ho visti di quelli bravi andar via, e quanti ne ho visti di quelli inutili arrivare. Non mi è mai piaciuto il modo di fare radio di armandino, pappgallo, oreeste ecc. La vera radio rocke sei tu, fabio, margus. Ora se non ci sei tu i pomeriggi non saranno più gli stessi. Capisco la tua scelta e la condivido anche se mi dispiace non ascoltarti più. Spero che pappagallo prenda il volo dalla radio, personalmente non ne sentirò la mancanza, anzi spero al suo posto di sentire te. Ti abbraccio come se fossi mio fratello.
    Franco

  37. Faster mannaggia!!!
    Se il mondo fosse regolato da un principio di giustizia, se ne dovrebbe andare chi ha dato voce alla feccia e chi non si è opposto. Purtroppo ciò non avviene e ci va a rimettere chi non dovrebbe.
    Prince appoggio in pieno la tua decisione che sarà stata sicuramente sofferta (se ne sto soffrendo io non oso immaginare cosa stia provando tu).
    Io non sono più un ascoltatore di radiorock. per coerenza e dignità devo rinunciare a una cosa bella ed importante.
    Facci sapere dove e quando potremo risentire la tua voce, mi raccomando, nun ce lassà!!
    Un abbraccio

  38. Grazie per questi 25 anni di ottima musica, balli sfrenati e risate…
    Sei il mio guru musicale e l’inventore della serata in discoteca per me perfetta.
    Torna presto e facci sapere su quali “schermi”.
    Grazie Anna.

  39. Massima solidarietà e Te grande Faster. Ti ascolto da sempre, e hai fatto bene a protestare, ma impediamo che la FECCIA spenga la Tua arguta ed indispensabbile voce.Un abbraccio (A) !

  40. Ma dissociarsi, non essere d’accordo, criticare a voce, discutere, parlarne sarebbe troppo evoluto?
    Dai Prince io spero tu possa essere meglio di così.

    Mi dispiace troppo di questa cosa

  41. Ancora non riesco a crederci. Cos’altro fare… Hai tutto il mio appoggio e quello di Dan che è scioccato quanto me. Sei il Principe e saremo teco ovunque andrai… 🙂 In bocca al loop…

  42. Con la morte nel cuore, anche io non faccio più parte di Radio Rock.
    sono con te, ma spero di poterti risentire presto!!!
    mi inchino al Principe!! con affetto
    serafino

  43. Ciao, e adesso? Sicuramente le tue motivazioni sono sacrosante, ma l’affetto di chi ti segue da anni e vorrebbe continuare a seguirti (siamo tanti e lo sai) non riesce a farti cambiare idea? Io personalmente sto cercando un motivo reale per poter accendere la radio qundo rientro a casa, approfondimenti, notizie musica, consigli, così spariranno togliendo alla radio la sua parte più vitale ed interessante.
    Ti aspettiamo, se non a radio rock facci sapere dove.

    Gianni

  44. Sandro erano i tempi del wonna quando ho avuto il piacere e la fortuna di ascoltarti per la prima volta.
    Mi hai formato musicalmente,mi hai regalato la colonna sonora per molti momenti cardine della mia vita.
    Ma per Dio non ti capisco.
    Se te ne fossi andato perche la Radio non permetteva di far parlare qualcuno non mi avrebbe assolutamente stupito,anzi mi sarebbe sembrato del tutto normale per l’idea che ho Te.
    Ma cosi non ha senso.Non è credibile.
    Spero che sappiate trovare un punto di equilibrio.
    Siete adulti Voi.
    E dai commenti che leggo in giro gli animi si stanno scaldando troppo ed è una cosa che non potete non considerare dato il ruolo e il potere comunicativo che avete.
    Un abbraccio sincero da una persona che ti stima davvero sia sul profilo umano che professionale

  45. ciao fratello faster, no non ci conosciamo personalmente ,ma da 25 anni ascolto la radio e oggi dopo la milic anche tu sei volato altrove. Spero che tu fonda un radio veramente nostra dove tutti noi ci possiamo incontrare liberamente, ma mi raccomando non seguire le gesta del nano maledetto.con sincero affetto auguri e tienici aggiornati……….ciao principe

  46. io credo che tutto questo chiasso porterà ancora più ascoltatori alla Radio
    Personalmente sarei stato contento di ascoltare l’intervista e sentire cosa ha da dire uno che la pensa diversamente…

    La vostra radio purtroppo non era più la vera Radio Rock già da un sacco di tempo

    Prince organizza un nuovo progetto contatta Jelena, Marco Artico, e le vecchie djee di Rock Italia regalaci un pò di genuinità

  47. Mai scritto da nessuna parte ma presente all’ascolto da tanti anni .. non ho nemmeno capito che è successo perche purtroppo il giorno non posso ascoltare la radio ma la sera appena uscito dall’ufficio la prima cosa che ascoltavo era la tua trasmissione… la tua passione per la musica è contagiosa come la sala d’aspetto di un ambulatorio pieno di gente infetta!! il rispetto che hai per le persone mi ha aiutato a crescere cosi come la tua passione per la musica che hai sempre messo al primo posto!.. sei un grande!! (meno male che cè internet e il tuo sito).
    Un abbraccio !!

  48. Ciao Sandro,
    e così ci abbandoni anche tu!
    Ascoltare la tua musica ed i commenti-tuoi e dei tuoi ospiti- sulla giornata appena trascorsa era diventato per me un rito quotidiano. Ovviamente non conosco i rapporti e le dinamiche interne a Radio Rock che ti hanno spinto ad andartene; tuttavia non riesco a comprendere come il comportamento di uno solo dei conduttori della radio possa averti portato a lasciare il tuo programma, penalizzando così anche chi,come me,ti ascoltava ogni sera con interesse e con affetto.
    Spero proprio che la tua decisione non sia irrevocabile.
    Un abbraccio.
    Massimo

  49. ERA ORA!!!!!
    Finalmente la manopola della mia vecchia Zenith si muovera’ alla ricerca di altre frequenze.
    Dio sia lodato!!! appena tornero’ dal lavoro non saro’ piu’ “costretto” a sentirti parlare di musica e di tanto altro,i miei vinili ,per grazia ricevuta,rivedranno finalmente la luce ,visto che dalle 18 alle 21 tutti i santissimi giorni “non si poteva”.
    Non so’ ancora quali motivi possono averti spinto a prendere questa decisione ma,come diceva un tio vecchio compagno “d’armi” TANT’E’! La radio era finita gia’ da un po’ e solo la tua “grazia” nel raccontare la musica poteva giustificarne l’asolto ,ma va bene cosi’ cambierenmo radio( e saremo in molti )ma ovviamente tu non puoi permetterti di sparire o limitarti a fare il dj nei locali di Roma o scrivere nel tuo sito,inventati qualcosa per ritornare in voce! E bada bene questa e’ una minaccia!!
    Paolo

  50. Non è stata una cosa corretta nei confronti di tutti i dj della radio e verso gli ascoltatori, per questo me ne sono andato. non voglio e non mi interessa criminalizzare nessuno, ne tantomeno fare la vittima, la scelta che ho fatto dopo 27 anni di radio è ed è stata la più difficile della mia vita, perchè io ci credo veramente alla radio e alla musica, ma quando ti scontri contro la miserabile arroganza, presunzione ignoranza deliri di onnipotenza, e non essendo io una persona violenta, non avevo altra scelta che fare quella che ho fatto.
    prince faster

  51. pUR NON SAPENDO COSA SIA SUCCESSO VERAMENTE PER FARTI MOLLARE LA TUA E LA NOSTRA RADIOLINA, ” I VINILIERI” E LA VINILERIA TUTTA STASERA PORTANO IL LUTTO AL BRACCIO PER LA CADUTA DELL’ERRANTE CAVALIERE DEL VINILE… SPERANDO CHE RISALGA PRESTO IN GROPPA AL SUO CAVALLO, LO ASPETTIAMO PRESTO QUI DA NOI!!!

  52. Sei la VOCE amica del mio pomeriggio romano da almeno 15 anni, torna…se non a RadioRock, da qualsiasi altra parte…ma torna! però cavolo…ripigliatevi!!

  53. Sandro, non ho seguito la vicenda , ma il solo fatto che tu abbia preso questa decisione mi rattrista moltissimo, eri l’unico che ormai ascoltavo a RR……la tua ironia la tua sensibilità mi facevano pensare che ancora potesse esserci una possibilità per cambiare questo orribile mondo…..anche con la musica…
    Posso dire come altri hanno detto che RR ha perso il migliore.
    Ti voglio bene….da tanti anni….
    carla

  54. Che pezza Faster… ma di fronte all’arroganza e ai deliri di onnipotenza non ci può e non ci si deve arrendere, si può combattere anche senza essere violenti… ma forse in radio eri rimasto solo… forse è meglio così… Massimo rispetto Prince, però che pezza, mi hai fatto proprio un bel regalo di compleanno! 🙁

  55. ho sempre ascoltato radio rock via streaming, ho già provveduto ad eliminarla dai ‘preferiti’, senza di te non mi interessa più…

    baci

  56. E’ dal 94 che sei il mio rifermento musicale, per me RadioRock sei tu, siamo coetanei e ho sempre condiviso quasi tutti i tuoi pareri, non ultimo il motivo dell’uscita dalla Radio. Per te andrò subito a riprendere il mio piatto e tutti i miei LP, dormienti da troppi anni, per piacere ma anche per solidarietà. Facci sapere dove potrò tornare ad ascoltarti. Ti chiederò amicizia su FB per saperlo appena avrai deciso, accettala però. In bocca al lupo grande Prince

  57. Ascolto r.rock da quando è nata, ma ormai aspettavo solo le 18 per sintonizzarni. Prima di quell’ora era diventata inascoltabile. Quando ho sentito che mi accannavi dopo tutto questo tempo ci sono rimasto malissimo, anche perché non riuscivo ad immaginare un motivo valido per questa tua decisione. Dopo aver letto tutti i commenti fin qui arrivati ho capito che hai fatto esattamente ciò che andava fatto. E non mi si venga a parlare di pluralismo o roba del genere. Non tutti hanno diritto di poter parlare dal microfono di una radio. Detto questo, cerca di trovare il sistema per farci riascoltare presto la tua voce.

    Un abbraccio e tanta stima

    Andrea

  58. Erano un paio di anni che non ascoltavo più RR…a parte le tue ore di tanto in tanto.
    Nella speranza tu possa tornare a fare ciò che ami al più presto ti saluto e ricorda una pietra che rotola non raccoglie mai sugo.
    Bella Prince

  59. ehi. tutte le volte che ti chiedi se è stata solo una ‘questione-di-principio’: Resistere è anche questo. Sei un grande.
    f

  60. Mi sono sintonizzato come al solito ed ho saputo, e poi leggendo i post precedenti ho capito quello che è successo.
    Sono con te nella tua scelta e anche se mi sembra assurdo penso che solo in questo modo si continua ad essere noi stessi.
    Adesso devo sostituire la frequenza del primo canale della radio di casa e dell’auto… Da troppo tempo sei un punto di riferimento musicale per me e a lungo andare poi ci si affeziona.
    Ad majora!

  61. Spero che ci ripensi.
    Qualcuno disse “La miglior qualità che può avere un uomo è di saper cambiar punto di vista” ma son troppo ignorante per ricordare chi l’ha detta.
    Spero che ci ripensi, sicuramente non penserei che non sei coerente, sarei contento e basta.
    Seguo radiorock dal ’96 e so’ che tu sei l’unico che c’era già dall’84
    Mi dispiace da morire.
    Personalmente apprezzo sia la tua trasmissione che quella che fa Emilio la mattina, stamattina purtroppo mi sono sintonizzato tardi ed ho sentito solo mentre lui si scusava e stasera ho capito.
    Ciao Prince

  62. Ciao Sandro, mi spiace immensamente quello che è successo, perchè mi rendo conto che se per noi ascoltatori il problema si può semplicemente risolvere andandosi a cercare un’altra radio, mi rendo conto che per voi che in questa radio avete investito da una vita, e che rappresenta il vostro lavoro (anche se come dici sempre tu farci setire musica è per te un divertimento), il problema è ben diverso. Non so se tu, Armandino, Oreste, avrete modo di fare chiarezza (con chi ha causato o permesso che avvenisse tutto questo) a tal punto da potervi coerentemente permettere di continuare il vs. rapporto con la radio e con tutti noi, ma voglio esprimerti/vi tutta la mia solidarietà e stima.
    Su certe cose (l’antifascismo per intederci) non si può transigere, non si possono trovare compromessi, è la discriminante di base per ogni persona che si definisca civile e democratica. E non è che si debba necessariamente andare a sprangare i fasci o incendiare le loro sedi a colpi di “bocce”, come negli ormai passati anni ’70 ’80, per esserlo; è nel nostro comportamento di ogni giorno contro ogni forma di prevaricazione, di violenza, sia materiale che intelettuale. Come già scritto in giornata nelle discussioni che ne sono nate su FB, oltre ad essere un ottima persona sei un meraviglioso dj e sono sicuro che le tue capacità professionali ti permetteranno di continuare la tua bella avventura…….che io condividerò assieme a tantissima altra gente. Un abbraccio 🙂

  63. GROSSO RISPETTO PER UNA SCELTA DIFFICILE PROFESSIONALMENTE MA OBBLIGATA E CHE NON DA SPAZIO A FRAINTENDIMENTI..SEI SEMPRE STATO L UNICA VOCE DI QUELLA RADIO CONTINUERAI AD ESSERLO OVUNQUE SARAI…RAGGAMUFFIN ANTIFA’!!!!

  64. Ciao Sandrone! Come molti hanno detto prima di me, la radio (dal periodo nel quale se ne è andata gente come Jelena, Maura o Loredana) non era più la stessa. Ci sono stati dei grandi arrivi come Claudia che adoro, o Livio e Matteo che lavorano di un gran bene. Piccino poi, uno che il mestiere lo conosce! Gli altri relativamente nuovi non li trovo speciali, ma non si può certo fare una radio di Fasters!
    Questa tua decisione mi addolora moltissimo. Mi sento come se avesse chiuso la radio. Ho dedicato alla radio moltissime ore delle mie giornate, e non so se continuerò a farlo. Credo che visto il dissenso riscontrato sarebbe una soluzione migliore allontanare dalla radio le persone che hanno comportamenti così deliranti. A Pappagallo è sempre piaciuto essere forzatamente provocatorio e poco popolare, ma questa volta ha veramente esagerato. Non trovo giusto quello che è stato fatto alla radio, ai suoi ascoltatori, ed ovviamente anche agli altri dj’s. In questo modo stanno pagando tutti le conseguenze dell’accaduto, e la radio in primis che perderà molti dei suoi ascoltatori, tranne il diretto responsabile, che forse finalmente adesso ha ottenuto il suo momento di gloria! Spero che le conseguenze ricadano sul colpevole e che la radio torni ad essere quella di una volta incarnando il vecchio spirito che il buon paolo aveva pensato per lei.
    Noi comunque ti seguiremo, perciò devi almeno tenerci aggiornati sui tuoi spostamenti.
    E ricorda, una pietra che rotola non raccoglie mai sugo!
    Ciao princetto bello!!!

  65. non credo sia giusto continuare a chiedere a Prince di ripensarsi di passarci sopra etc.. e’ una sua scelta va’ rispettata, ci sono sicuramente dei motivi gravi altrimenti non avrebbe fatto questo passo.
    Mi dispiace vivamente perché’ RR almeno per me era Faster con tutte le sue volte che ha portato buona musica chiacchere e discorsi musicali e non.. credo che sia una delle poche “teste pensanti” nel mondo della conoscenza musicale e culturale in genere.
    Spero, anzi ne sono convinto, riappaia da qualche parte nell’etere e saro’ sicuramente all’ascolto
    Un abbraccio a te Sandro e musica (meglio se analogica) per tutti

    Giuseppe

  66. Sono pienamente daccordo con la tua scelta. Non si può dare spazio a certe persone permettendogli di veicolare le loro idee malsane. Certo ora la radio non sarà più la stessa, eri il dj che ascoltavo più volentieri (ti ascoltavo dai tempi di radio proletaria). Sperando di poterti presto ritrovare in diretta sull’etere un abbraccio. Sei un grande

  67. Caro Faster, ti seguo con passione dagli inizi e la tua scelta, anche se ne comprendo perfettamente i motivi mi addolora immensamente. Ho sempre seguito con passione le tue programmazioni apprezzando sia la tua profonda cultura musicale che la tua umanità e sensibilità alla quale mi sento naturalmente vicino. Spero comunque ci possa essere una soluzione e un tuo ritorno in radio. Non riesco ad immaginare Radio Rock sensa Princetto

  68. ciao Prince…..rispetto e comprendo pienamente la tua scelta [quello che è accaduto è assolutamente irrispettoso nei confronti di tutti gli ascoltatori che ripudiano senza se e senza ma ogni forma di fascismo]….sbrigati a trovare un’altra sistemazione…apri una radio..fa qualkosa..e mi raccomando…non sparire….dove lo trovo un altro che mette Miles Davis alle 6 di pomeriggio?????
    con rispetto
    severino

  69. Maledizione, ho appreso solo ora e ci sono rimasto troppo male, spero di risentirti presto su altre frequenze! erano 15 anni che ti ascoltavo ogni giorno, ormai solo tu e Terenzio eravate rimasti che si potevano apprezzare.

    Il povero Mazzullo si starà rivoltando nella tomba.

    Ciao Prince, torna presto

  70. Ma non essere ridicolo!
    Questo è veramente un comportamento infantile, ingiustificato e banale.
    Spero tu sia in grado di esporre le tue idee, e spero tu sia in grado di dar spazio alle idee di altri.

  71. Egregio Dadie, io quello che dovevo esprimere, le idee ed altro l’ho espresso per 27 anni alla radio, e se tu non eri all’ascolto non è colpa mia. buona giornata.

  72. questa è stata una notizia bruttissima, mi ha addolorato davvero – non ci voleva. la sera tornavo a casa e non avevo più fretta, nel traffico: c’eri tu, con la meravigliosa musica che mandavi in onda, puntate spettacolari. grande rock, grande blues, grande tutto. la musica, tu lo sai, è una cosa enorme, può risollevarti da tanti dispiaceri e problemi, portarti altrove, e tu sapevi cosa scegliere. non credo che ascolterò più radio rock. facci sapere dove vai, non ci credo che tu riesca a togliere questo lavoro dalla tua vita, si sentiva quanto lo amavi. sono tristissima, ma davvero, tanto. ti abbraccio

  73. Ciao Sandro, non posso ancora credirci che accendendo la radio al ritorno dal lavoro non ascolterò + la tua voce.
    Io da questo momento non ascolterò più radio rock e la mattina non ce la facevo più ad ascoltare i deliri di chi sai tu.
    Come faccio a sapere dove andrai, come farò a risentirti ancora?
    Hai intenzione di fare qualcosa tu?E perchè non ti porti Claudia, ricontatti Jelena, Fabio, Margus siete tutti grandi persone!
    Un bacio enorme, Daniela

  74. non sto qui a giudicare se hai fatto bene o male, tu lo sai molto meglio di tutti noi, però mi dispiace davvero tanto! volevo ringraziarti di cuore per avermi dato un piccolo spazio in radio, per tanti forse non vuol dire niente, ma per me è stato davvero un regalo enorme, e se (e sono sicura di si) tornerai in un’altra radio o da qualsiasi altra parte, continuerò a seguirti con grande stima e con grande piacere!
    GRAZIE DAVVERO PRINCE! grazie per tutto quello che hai fatto fino adesso! a presto
    ciaoooooo
    Alessia Magalotti (Nereide)

  75. Ciao Prince mi dispiace della lasciata, anche perchè hai investito tempo e passione in Rr…..ma questa non era più radiorock da un pezzo! forse avevano ragione gli storici di radiorock.to??? Gia da qualche anno ascoltavo solo la tua fascia oraria e adesso non ascolterò più radiodiciamorock!
    Cancellata dalla memoria.

    A presto sull’etere Prince

  76. sandrino,
    con la tua uscita muore definitivamente una radio stuprata per anni da dubbi personaggi che hanno infangato, con i loro discorsi ed i loro comportamenti, tutto ciò che la radio è stata per me, per tanti come me, per la città di roma e per la musica
    nel corso degli anni sono stati tantissimi i bocconi amari che abbiamo dovuto buttare giù per restare agganciati ad un sogno fatto di vinili e di cantine, mo’ basta
    se tenessero pappadiaco

  77. Ma perchè non mandate via Emilio? Ti pare che dobbiamo perdere te, Armandino e Oreste?? La radio prenda le distanze, TUTTA la radio (non solo voi tre), e cacci pappagallo.

  78. Da ieri alle ore 15.01 Radio rock è morta definitivamente. In mattinata era entrata in coma irreversibile…
    A presto, mito Prince

  79. Caro Faster, che dire, dopo anni che ti aascolto è una bella botta…non conosco bene la vicenda, ma ti appoggio, per quello che ho potuto capire…ancora devo realizzare come avete potuto mettere dietro la consolle certi elementi…un caro saluto nella speranza (forte, perche non ci puoi privare anche del Tuo programma, dopo le tante privazioni che siamo costretti a subire!!) di un Tuo ritorno!!!
    Daniele

  80. Mi dispiace. mi è preso un colpo quando ho letto il tuo annuncio. tu e radiorock mi avete accompagnato in fasi importanti della mia vita, notti a disegnare insieme al night noise network, i 25 dicembre insieme, insomma la colonna sonora della mia vita, anche quando son andato via da roma il pomeriggio era un obbligo sentirti in streaming. Grazie per tutto quello che ci hai fatto ascoltare. Se hai fatto questa scelta, vuol dire che è la scelta che per te è corretta e quindi va rispettata. Bisogna anche dire che la radio in questi “ultimi” 10 anni era molto cambiata…e senza paura dico che prima delle 18 era quasi inascoltabile.
    son sicuro che una pellaccia come la tua farà presto a trovare un altro spazio per farci di nuovo sentire a tua voce!
    z8

  81. grazie per i stupendi anni di ottima musica che ci hai regalato,spero che ci sara’ la possibilita’ di risentirti in radio migliori di quella che la scorsa mattina mi ha deluso profondamente ……nel frattempo mi ascolto mickey dread in simpatia…..daniele

  82. mi spiace un sacco, ma massimo rispetto: su certi valori non si transigge.
    ci sentiamo presto nell’etere, un abbraccio.

  83. ti ho conosciuto nel 96 al centrale del foro italico, concerto KC
    il tuo salto all’attacco di “schizoid man” ce l’ho ancora davanti agli occhi

    un abbraccio mio caro, so che chi incontreremo di nuovo

  84. Grazie Sandro,
    anche per me, sei la colonna sonora della vita. E’ una frase inflazionata, ma per me è vero, più che vero.
    Hai dimostrato di essere un campione di coerenza, un esempio che non dimenticherò.
    Ti prego di non lasciare i tuoi ascoltatori senza la tua voce. Magari su un’altra radio, tradizionale o internet, o tramite dei podcast, o quello che vuoi.
    Auguri Prince, RR è il passato. Per me non esiste più.
    Andrea

  85. Il fatto che sia tu ad andartene e non qualcun altro, è indice dello stato delle cose. Qualcuno prima di me ha detto che non tutti dovrebbero avere l’opportunità di esporre le proprie idee al microfono di una radio, e io sono completamente d’accordo, in culo a false e inutili pretese di pluralismo.
    Il problema, se posso permettermi di metterla in questi termini, è che Emilio Pappagallo ha un seguito allucinante di ascoltatori che apprezzano ciò che dice a livello sociale e politico e, cosa che trovo maggiormente indignante, ride delle sue cazzate fatte di stupidi tormentoni e facezie senza spessore. Che tu molli RadioRock è solo un bene, almeno a me farà piacere ascoltarti altrove. Lontano da falsi democratici o fascisti in incognito, e peggio ancora, da ascoltatori con cervelli usi solo a spartire le orecchie.

  86. …è più della morte nel cuore! ti ho ascoltato tutti i pomeriggi da anni e anche quelle poche volte che c’erano dei fuori programma…un “rito” (Che cos’è un rito?” disse il piccolo principe.
    ” Anche questa è una cosa da tempo dimenticata”, disse la volpe.
    ” E’ quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora dalle altre ore), che mi allietava quelle ore dopo l’ufficio. Spero tanto di poterti risentire…continuerò ad aspettarti…sarei disposta a sintonizzarmi su qualsiasi altra radio che mai avrei creduto di ascoltare! nessuno potrebbe darmi la tua scelta musicale che spazia tra sonorità così diverse tra loro…la tua ironia e autoironia…Sarà un’assenza insopportabile che si aggiunge a quella della milich andata via qualche tempo fa. Perchè?

  87. …dai vari commenti che leggo c’è la speranza di sentirti altroveeeeeeeeee
    p.s. le fasce orarie del pappagallo ko da tempo……..

  88. I miei genitori mi hanno insegnato che quando si riceve qualche cosa bisogna essere riconoscenti ed è per questo che,semplicemente,ti dico GRAZIE….grazie per la tanta musica condivisa in tanti anni,per i tuoi commenti,per i tuoi sani cazzeggi.

  89. …ascolto da anni la tua musica, le tue sigle, il tuo programma, le tue elucubrazioni improbabili con il buon Terenzio…partecipo defilato in disparte ai tuoi eventi…orgoglioso di aver fatto conoscere la tua voce e il tuo modo di intendere la radio, innanzitutto a mia figlia e poi a tante altre persone…mi conforta e confido in quel tuo “a presto”…e a mia volta ti dico…a presto Faster

  90. prince……sono veramente affranta.
    Spero di sentirti in un altra radio e spero che si decidano a cacciare Pappagallo, (cosa che dovevano fare già da tempo, già unicamente per i suoi innumerevoli e maschilisti commenti sulle donne!)
    Senza parole…..
    ti abbraccio
    valentina la restauratrice

  91. Mi spiace! Ripensaci e convinci anche gli altri.
    Non lasciateci. Mi hai accompagnato per una vita. Dal 90 ti seguo, con i salti nella stanza per poter prendere il segnale.
    Una persona aperta come te, grande come te non può fermarsi.

    Un grandissimo abbraccio

  92. ciao prince, anche io ci tengo a ringraziarti per tutto il tempo trascorso ad ascoltare la musica che mettevi, oppure le chiacchiere con terenzio, o a scrivere le sfilze di sms per un dibattito (ricordi la mia tesi sull’arte disco-grafica degli anni ’70?) Però, e spero darai atto alla mia sincerità, mi spiace dirlo ma hai torto; o meglio: hai fatto benissimo ad essere coerente fino alla fine con le tue idee, ma tu per primo dovresti sapere che, anche se si è devoti ad altari diversi, ogni fede è legittimata ad essere perseguita. Non voglio credere che tu sia il capofila di molti che, anche in questi commenti, apodissi in mano si lanciano tosti contro la libertà di parola, la libertà di pensiero! Io non intendo entrare nelle dinamiche di voi dj, non le conosco ma, nel merito, più del diritto di pappagallo ad invitare chiunque non bisogna dimenticare il fondamentale diritto per chiunque di manifestare le proprie idee, soprattutto se si è invitati a farlo.. Perciò, in barba a chi scende in piazza reclamando libertà per poi tagliare la lingua a chicchessia a costo di non farlo parlare – e solo perché non si è d’accordo con lui, mi auguro tu abbia avuto altre motivazioni per prendere la grave decisione (posso soltanto lontanamente immaginare quanto ciò ti sia pesato) che hai preso. Non credo di essere io il primo a dire che, se si vuole parlare di democrazia, il confronto è materia preziosissima ed ineludibile; e, se non mi piace ciò che pensa un altro e anzi lo trovo disgustoso, lo affosserò con la dialettica e mai, MAI alzerei una sola mano contro di lui.. Mi si accusi di retorica ma questo è il classico esempio in cui bisognerebbe dare la vita per permettere ad un altro di manifestare le proprie opinioni, anche se queste sono visceralmente contrarie alle proprie. Questo è essere maturi, cari fascisti, tutto il resto è ipocrisia. Daje Prince_

  93. Ciao Faster, sono molto dispiaciuto per quello che ti è successo. spero che si possa risolvere presto e tu possa tornare perchè tu sei Radio Rock.
    prima Mazzullo adesso te. Io cambio radio che stò a sentì quel verme di Emilio?
    Un abbraccio con affetto, GRAZIE delle meravigliose trasmissioni che ci hai dato a tutti noi.
    Ciao, Umberto

  94. Prince, detto Alessandro ,il cognome non lo mettero mai ,hai avuto un qualcosa di straordinario che forse in questo periodo non si vede da nessuna parte, è emerso in te un valore purtroppo lasciato da parte ,anzi “nascosto ” anche per convenienza……LA DIGNITA’ !!!!!!!!!!!di non stare in silenzio ma di esprimere un foirte dissenso nei confronti di una scelta di far parlare un nazista ,e qui non si tratta di essere o no …….democratici !!!!!!Sappiamo benissimo il concetto di “Democrazia ” che hanno questi personaggi , storicamente cosa hanno lasciato se non lutti, drammi…..guerre basta siamo nel 2011…Ti vorrei abbracciare e salutarti con affetto…..Grazie per il tuo gesto e spero di incontrarti un giorno per esprimerti ….la mia stima…..Non se ne puo piu di queti dibattiti ipocriti e senza contenmuto……Vorrei tanto che mi nonno preso dai nazisti e portato in un campo di concentramento parlasse con……Iannone e ….Pappagallo….A Presto

  95. Caro Sandro, la radio perde uno dei suoi pilastri, io perdo uno dei miei punti di riferimento per i consigli musicali, sempre aperti e mai banali che hai saputo darmi in questi 25 e più anni.
    Il fatto è che qui tutti quanti siamo dispiaciuti, l’unica entità che non lo sembra è proprio la radio intesa in senso astratto, la radio che ha lasciato andar via gente assolutamente di valore, e che ha lasciato sempre più spazio a gente come Pappagallo, finto intellettuale e finta mentalità aperta.
    Quello che mi fa incazzare è che fuori dalla radio dovrebbe esserci lui con tutte le sue minchiate e invece ci sei tu. Poche persone mi legano ancora a quella radio, e sinceramente non so quanto ancora potranno resistere.
    Spero di poterti sentire da qualche altra parte.
    Tieni vivi questo blog con le tue idee, io sarò sempre pronto ad ascoltarle.
    E comunque complimenti per la decisione, hai fatto la cosa giusta che una persona dovrebbe fare sempre.
    Dire no; dire no ai soprusi, no alle prevaricazioni, no ai berlusconiani populisti finto-intellettuali, no ai fascisti sdoganati nel nome del pluralismo, no ai coglioni.
    Grazie per tutto quello che ci hai trasmesso in questi anni.

  96. Dico solo che a casa mia non s’è mai ascoltata musica.
    La maggior parte della mia conoscenza attuale deriva da persone come te.
    Quindi, grazie, di tutto

  97. caro Prince,dopo 12 anni non posso pensare che non mi accompagni più a casa la sera………..a presto

  98. Ho chiamato in radio l’altro giorno per sapere che cos’era successo e mi ha risposto Giampiero. Ho letto anche alcuni messaggi degli ascoltatori e penso che la radio nel suo insieme debba prendere non solo le distanze dal Pappagallo(fascista pezzo di merda!) ma mandalo via per le sue cazzate quotidiane che espone nella sua fascia oraraia (inascoltabile in toto, esempio: qualche tempo la mattina tentava di leggere un libraccio ma la cosa più grave era il suo grado di lettura, infatti legge meglio un qualsiasi alunno delle scuole medie; oppure le sue quotidiane ossessioni sessuali che enuncia con prurito e ciò non è assolutamente radio). Se tu andassi via faresti il gioco di quel pezzo di merda , invece occorre rilanciare in avanti e dargli un pò di sane pedate. A presto. Dino.

  99. Ciao Prince,
    ho 36 anni e il 90% della musica che ascolto me l’hai fatta conoscere tu. La radio perde il miglior conoscitore di musica che io abbia mai ascoltato in una radio. Spero che questa tua scelta ti porti su percorsi fortunati e ancora migliori di quelli che hai solcato fino ad oggi.
    Un abbraccio grande e buona fortuna.

  100. Come ho scritto altrove, Libertà, conoscenza, discussione, contraddittorio.. sono alcuni pilastri su cui si fonda la nostra democrazia. Ascoltare solo le ragioni di chi la pensa in un modo è da assolutisti o da chi non ha argomenti. Quindi, non condivido la tua scelta, oltre ad esserne dispiaciuto per le tue grandi capacità radiofoniche.. In ogni caso, buona fortuna.

  101. Ti ascolto da più di 10 anni, e non avevo dubbi che avresti fatto questo passo. A me di Radio Rock in se non me ne frega niente, spero (credo) che troverai un altro spazio che ci permetterà di stare ancora insieme, ma in questo tuo triste momento personale volevo dirti che se adesso mi capita di andare all’auditorium e commuovermi mentre ascolto The great gig in the sky un po lo devo anche a te..

    Daje Prince…ROCK ON!

    Francesco

  102. Sono un cosiddetto ascoltatore silente. Sento RadioRock dal 1986 e credo che di momenti di cambiamento ce ne siano stati molti, quasi tutti corrispondenti alla fuoriuscita di qualche “pedina” fondamentale della radio (si potrebbero fare molti dei nomi che ora trasmettono da Radio Città Futura).
    Tu Sandro eri secondo me l’ultimo “portatore sano” del vecchio spirito della radio, pur non essendone fra i fondatori. Quello che non comprendo, avendotelo sentito ribadire un mucchio di volte, è come mai dopo aver detto che nel tuo spazio facevi quello che volevi o te ne andavi, ora la stessa cosa non valga per gli altri. Te lo dico con tutto che io, gli “altri”, Armandino, Pappagallo, Oreste, non li reggo, non mi piacciono e quando ci sono mi sposto su TRS, dove almeno sento ottima musica. Ma tu eri un punto fermo nei miei pomeriggi e vorrei che ci ripensassi. Sei rimasto quando Mazzullo ha praticamente “distrutto” RadioRock e ora te ne vai per questo?

  103. Che brutta cosa,quella che ho letto e ho sentito questi giorni su Radio Rock…
    una grande perdita,un forte abbraccio per ringraziarti delle tante ore,giorni ed anni che mi hai tenuto compagnia con le tue trasmissioni e parole…..ciao grande ed unico Principe

  104. non entro nel merito di ciò che è successo, prendo solo atto che anche Radio Rock è finita, una delle poche certezze e positività quotidiane… grazie per tutti i bei momenti di vera radio che ci hai regalato. pietro

  105. Ciao Prince ancora ricordo il “fomentone” che facevi. Non so dirti quanti artisti mi hai fatto conoscere … Grazie di tutto e spero di sentirti in un altra radio. Ma se fai come Santoro una web radio in streaming tutta tua?

  106. Il segnale deve essere chiaro.
    Non riesco a credere che la bilancia sia stata a favore di altri che non possano vantare un passato come il tuo in questa radio. _Casomai se hai esagerato un po’ nei LORO confronti, non possono le cose chiudersi in questo modo, fa male a tutti, una fine del genere. Non si può pensare di andare avanti senza uno come te. Alla fine ricorda ABBIAMO BISOGNO L’UNO DELL’ALTRO.

  107. Ciao Prince,
    complimenti per la dimostrazione che non sei solo una “voce”.
    Ora sei parte della storia, una bella storia che ho ascoltato dall’inizio. Grazie per i momenti simpatici e per le segnalazioni musicali, sono sicuro che in nessun’altra radio ci sia stata una programmazione come la tua.
    Ti auguro un in bocca al lupo per il futuro, e sapendo che siamo nelle nostre mani sono sicuro che farai ancora delle belle cose.
    Ricordiamoci che una pietra che rotola non raccoglie mai, e poi mai sugo.

  108. Solo le persone oneste e sane di principi hanno il coraggio di perseguire in concreto i propri ideali, facendo anche delle radicali rinunce, come te. Lo vediamo da sempre. In nome della coerenza si vedono sempre i migliori mollare la barca! I tanti messaggi di sdegno per l’intervista penso parlassero da sè ed avrebbero dovuto far riflettere su CHI doveva veramente avere la dignità di raccogliere le proprie cose ed andar via.
    Certo, la tua scelta la rispetto nonostante tutto: sei una grande persona.
    Con te si perde un grosso pezzo di storia di Radio Rock, la migliore.
    Ti ascolto da sempre, spero di poterti ascoltare ancora.

  109. scusate ma nn ho capito bene la vicenda.
    Spero solo di aver capito male e non ve siate andati via solo xche pappagallo ha dato la parola a iannone. Sinceramente penso che l’impedire la parola anche al peggior farabutto sulla faccia della terra sia un atto di censura estremamente grave.
    Voi siete sempre stati una radio libera che faceva della propria libertà il proprio vanto e la libertà deve essee per tutti. Mandavate brani poco rock e vi beffavate di quelli che vi scrivevano “aoh! Siete radio rock quindi dovete manda er rock!” dicendo che eravate liberi di passare tutti i generi che volevate. Allora perche un fascista (a me sta parola mi fa ridere al pari di comunista… sarà forse xche sono un disilluso?) No puo dire la sua? Magari su 100 cose che dice 5 potrebbero trovarci daccordo e 10 ci potrebbero far riflettere… e a quel punto saremmo dei fascisti anche noi? Forse abbiamo paura che sotto sotto anche iannone potrebbe insegnarci qualcosa o mettere in discussione una vita passata a pensare che l’unica verità riposa sotto la bandiera rossa? Forse non siamo troppo differenti da quelli che disprezziamo perche pensano che i diritti si basino sul colore della pelle o dal colore politico.
    Sinceramente non ho ben chiara la situazione e spero di riuscire ad avere notizie precise piu avanti.
    Spero che la scelta da voi fatta si basi su qualcosa di piu solido di un’intervista a un personaggio scomodo.
    Detto questo vorrei comunque manifestare tutta la mia stima e gratitudine perche la mia cultura musicale la devo anche a te. Grazie per tutti questi anni passati dietro la console a passare musica con la emme maiscola e ad allietarci con le tue chiacchiere.
    Un grande in culo alla balena!

  110. Ti te ricorderò la naturalezza con cui facevi radio, le migliaia di gruppi e artisti che mi ha fatto conoscere, i pezzi di Starship Trooopers tra una canzone e l’altra durante le serate e tante altre cose. Io penso che noi ascoltatori non possiamo accettare le tue “dimissioni”. Lottate e tornate a Radio Rock, che senza di voi non potrà più essere la stessa. Lottate, ca**o! In ogni caso ti ringrazio, perchè da oltre 10 anni mi tieni compagnia quasi tutti i pomeriggi. E Natale? Cioè mo’ che cavolo faccio la mattina di Natale? Daje mettete na mano sulla coscienza pure te! Nun ce lassà!

  111. Prince, ti scolto da sempre e alle 1800 di ogni giorno seguivo con attenzione le tue lezioni di musica. Ho conosciuto stili e gruppi di versi grazie alla tua costante ricerca (mia moglie ti odia per questo) e la tua decisione mi ha lasciato l’amaro in bocca per due motivi:
    1) la tua capacità di scovare generi e gruppi nuovi ha sempre soddisfatto la mia voglia di esplorare la musica e di non fermarmi al primo ascolto… e ora a chi mi appoggio?
    2) lasciare la radio per una questione ideologico-politica è un atto di tradimento nei confronti di chi, come me, ascolta Radio Rock per quello che dovrebbe essere – ovvero un’emittente che trasmette buona (oottima!!!) musica. Ti ho ascoltato nelle tue lunghe telefonate e invettive contro tuo “suocero”, a volte condividendo e a volte no perchè, in fondo, apprezzavo anche quella parte di te. Ma mollare tutto per qualcuno che la pensa a 180° rispetto a te… mi sembra discutibile e poco coerente.
    Compravo Mucchio Selvaggio: mi piaceva tanto come rivista musicale. Poi è diventato 95% politica e 5% musica… tanto valeva comprare l’espresso! Ho smesso… con rammarico! E ora, mi addolora veramente rinunciare, per lo stesso maledetto motivo, all’unico DJ che veramente apprezzo.

    Buona vita, Sandro

    S

  112. Allora era vero…ho sempre poco tempo per ascoltarvi ma quando sono in macchina è d’obbligo accendere radio rock. L’altra sera avevo intuito che qualcosa di anomalo era successo. Mi collego su facebook e leggo purtroppo la notizia. Per dirti di quanto sei importante, avevo ripreso la tua mitica frase (“una pietra che rotola….”) come moto di vita. Sei un punto di riferimento per la musica, per la cultura pardon CULTURA. Ti ringrazio per tutto quello che ci hai regalato con radio rock. Mi auguro che presto ci saranno altre occasioni per ascoltarti e seguirti. Sembra quasi incredibile: ieri sera festeggiavo per la caduta del nano e stamattina mi veniva quasi “tristezza” di non poter sentirti su radio rock. Ma so che sei pieno di risorse …e quindi a presto!!!!

  113. Ma mannaggia alla Pupazza, manco da Roma dal 2003 ma qualche volta ascolto RadioRock dallo streaming. Leggendo la pagina FB della radio ho scoperto tante cose (come la scomparsa del buon Paolo), ed ora anche tu te ne vai, cosa resterà di RadioRock?????

  114. Dimenticavo, vi ascolto da quando RadioRock era ancora in Via Palestro, ero uno di quei ascoltatori silenti…….

  115. Ciao ti ascoltavo dai tempi di Radio Proletaria,com’era quel programma cruel summer anni 82 83 chisselo ricorda piu’ un secolo fa’.Non ho mai chiamato in radio non ho mai partecipato alle iniziative nei locali e nei club,feci una fugace visita ai tempi della tenda per la questione del ripetitore a radio rock (ancora secoli fa’..)ma adesso sento di doverti scrivere per manifestarti il mio apprezzamento,non sul piano”professionale”ma su quello umano.Sei un grande.

  116. Dopo 14anni che ti ascolto posso pure dirti col cuore in mano: “a prince ma vatteneaffanckulo” e te lo dico con la tristezza di uno che adorava il tuo modo di essere on air.
    Sei cascato nel trappolone come tutti quelli che stannno scrivendo tonnellate di belle parole, convinti di essere paladini di libertà e di democrazia, avete alzato un polverone che solo in un paese vuoto come questo poteva succedere. Ora tutti a cavalacare onde di finta soliderietà e demagogia, quello che è successo è proprio triste, triste no nell’intervento di quello ma triste nelle conseguenze scaturite e mo state a fa gli indignati perchè quello ha parlato.. ma come la vs radio non è libera? non è rock?
    potevi usare la radio per le vs ragioni, allontanarsi è da vigliacchi e da ingnoranti (ignoranti come chi identifica quello che ha parlato come rapprensentazione di un momento storico morto e sepolto)
    mi mancherai e ti odio, mi mancheranno oreste ed i suoi santi del giorno, mi mancherà la pietra che non raccoglie sugo, mi mancherà Roots and culture e mi mancheranno tante ..solo il vs stupido essere liberi e finti ben pensanti non mi mancherà nè mi è mai piaciuto.

    vi odio volete passare per anti fascisti, ma siete solo pro coglioni

    Luigi

  117. Caro Latooscuro,
    ti capisco, ma tu capisci a me, essere anti essere pro, è solo una forma mentale, credimi che fino a lunedi mattina ero felice e beato nell’attesa di trasmettere come tutti i giorni alle 18.00, però certe garanzie certe dinamiche e sopratutto il mancato confronto è venuto meno non per colpa mia, la prevaricazione è una cosa che non mi è mai piaciuta sopratutto quando si mette in difficoltà chi ti sta vicino. Non ho armato proprio nulla e non ho alimentato nessuna polemica come puoi leggere nei miei post, anche perchè non potrei mai farlo contro una radio che ho cresciuto e dove sono cresciuto, così come non sputerò mai sul microfono che ho condiviso per 27 anni con tutti quanti, non sono quel tipo di persona come avrai capito. Sul resto ti do ragione, ma credimi che la mia sola colpa è stata quella di non aver potuto fare altrimenti perchè messo all’angolo, e gli angoli sono spesso pieni di spifferi.

  118. E no, Prince. messo all’angolo da cosa?
    Dall’ideologia?
    Se tu trasmettessi da Radio Radicale, ci potrei pure stare. Ma così… concordo con latooscuro.

  119. Stefano, l’ideologia è come il morbillo, l’idea invece è patrimonio delle persone libere . Evidentemente non hai letto quello che ho scritto visto che me ne sono andato per motivi ben più seri.

  120. Hai tutto il mio rispetto. E’ paradossale che la radio perda la tua voce perchè è stata dato spazio, in modo viscido e prepotente, a chi utilizza la democrazia come pulpito per predicare subdolamente un’idea distopica, violenta e ancora più cinica della società.

  121. No. Hai ragione. Non l’ho letto. Non ho trovato niente su questo sito… seppur mi sia letto tutti i tuoi commenti a questo topic.

    Ho trovato solo qualche tua parola contro l’arroganza etc., ma niente che spieghi perchè ti sei sentito con le spalle al muro – o messo in un angolo, come hai scritto tu.

    Ma a questo punto la mia sarebbe solo morbosa curiosità per un fatto di “cronaca”.

    Per carità, Prince: tu a me non devi niente, nè scuse e nè spiegazioni. Parlo solo da ascoltatore che, come ti ho scritto ieri, è rimasto con l’amaro in bocca per una scelta che non riesce a condividere e per quella stupida sesazione di sentirsi un pò tradito dalla persona che più stimava a Radio Rock.

    Probabilmente continuerò a seguirti qui, sperando che la tua ricerca di buona musica trovi sfogo tra queste pagine web.

    That’s all, folk.

    S

  122. Ciao Sandro, con molto dispiacere oggi ho letto che hai lasciato RR. Rispetto la tua decisione, ma le tue trasmissioni mi mancheranno tantissimo. Spero che al più presto tu possa trasmettere, su altri siti, anche perchè dopo (20anni) è dura.
    Ti abbraccio, Grande Prince

  123. Prince….ma come!!
    Mi manca l’aria, non ci posso credere…ho appreso le notizie alla spicciolata, non ero all’ascolto il giorno “incriminato”, mi sono arrivate solo sconnesse parole di altri che forse non sanno abbastanza, e non posso credere che il perchè sia quello che mi hanno detto…non è da te…tu sei un combattente dell’arena e non puoi lasciare così! Ho imparato cos’è la Musica Vera con te e mi aggiornavo ogni sera alle 18.00, la mia anima era più nutrita di buono e la mia vita più lieta per questo. Non riesco e non riuscirò ad abituarmi…detto questo spero per te e per me di risentirti presto, non importa dove, anche se la famiglia di Radio Rock era un po’ anche la mia, e ora mi sento tra estranei…passerà spero!
    Se mai può valere qualcosa…torna sui tuoi passi, non è mai troppo tardi per dire la propria opinione e per cambiare idea, come è tipico delle persone intelligenti quale sei.
    Un abbraccio

  124. l’ho saputo ora.
    se il motivo è quello che mi hanno detto : sono con te.

    ad majora.

    cazzo.. ora quando esco dall’ufficio che mi sento ?
    HA HA HA

    un abbraccio prinz

    er migu

  125. Ciao Faster, che duro colpo da assorbire. RR non è piu’ la stessa, anzi non ho piu’ motivo per ascoltarla. Un po’ Margus, ma giusto ogni tanto, dato che anche per lui ho grande stima. Qui in provincia di Potenza non c’è molto da ascoltare, a parte le grandi, che a me fanno abbastanza ca…..re. Mi mancherai come poche altre cose al mondo e per consolarmi frequenterò di più questo tuo sito.
    Con stima e affetto un giovane 48enne.

  126. Ciao prince dispiace veramente molto non poterti piu’ ascoltare su RR.Una delle poche voci in giro dotate di buonsenso,simpatia e competenza musicale.Mi auguro di poterti riascoltare a breve..
    Un abbraccio

  127. Ciao prince bruttissima notizia quella che apprendo ora…Mi manchera’ la tua voce piena di buonsenso,simpatiae competenza musicale…Un abbraccio.Maurizio.

  128. quanto mi dispiace. spero almeno che tu ti ritaglierai uno spazio a RCA. lo spero davvero. e lo spero prima di tutto per me, perché ho bisogno di sentire la tua voce e la tua musica. rispetto la tua scelta però. ti voglio bene, ale

  129. NON LO ACCETTO, NON MI STA BENE, NON LO DICO PER PIAGGERIA MA SENZA DI TE ( E SENZA ARMANDO!!) NON E’ LA STESSA RADIO!!… MA TI RISPETTO TROPPO, INNANZITUTTO COME UOMO, PER NON RISPETTARE LE TUE SCELTE, CHE RIGUARDANO TE E LA TUA VITA… PERO’ CAZZO, COME FACCIO IO ADESSO SENZA DI TE?!
    GRAZIE PER TUTTO!!
    DANIELE (CICALONE)

  130. CIAO PRINCE , MI RIPRENDO SOLO OGGI DALA NOTIZIA , MI MANCHERAI , ED UN IN BOCCA AL LUPO .
    PERO’ NON E’ GIUSTO CHE PER LA “MEGALOMANIA DI UN PAPPAGALLO ” CI RIMETTANO TUTTI I TUOI AFFEZZIONATI RADIO ASCOLTATORI.
    FACCI SAPERE SE VAI DA QUALCHE PARTE.
    ANDREA

  131. In bocca al lupo Prince.
    Grazie per la musica e per tutte le serate passate insieme, sia quelle nel traffico romano, sia quelle nel freddo nord Europa tramite internet.

    A presto.

  132. Grazie Prince per la tua compagnia,
    Per i tuoi attuali e divertentissimi jingle,
    Per le tue chiacchiere a volte comiche piuttosto che serie,
    Per lo sbattere sul tavolo che ci mancherà tanto,
    Per l’ottima musica che hai sempre proposto e per tutti gli artisti che mi gai fatto conoscere.
    Mi mancherai tantissimo, spero di risentirti presto!

    Daniel J

  133. Caro Prince, sono come si suol dire un ascoltatore silente, mi dispiace sentire queste parole, é spero possa ritornare su i tuoi passi anche se penso sia dificile. A mio giudizio, sarebbero altre le persone che dovrebbero lasciare se avessero piú fegato…… Comunque spero di ri-sentirti prima possibile, un abbraccio, Michele

  134. Sono un tuo ascoltatore silente da anni, ci tenevo a farti un saluto e un in bocca al lupo! Spero di riascoltarti presto!

  135. ciao prince,ho appreso da poco “la tua dipartita”da radio rock e anche se ne sono molto dispiaciuto,mi trovi d’accordo con la tua azione.Una cosa che non digerisco è il silenzio forzato dei tuoi “amici”in radio;è come se stessero seguendo una linea editoriale ben precisa,dettata non sò da chi e perchè e sicuramente non rispecchia l’apertura e la democrazia che ha sempre contraddistinto la vs. emittente.
    Secondo me qualcosa stà cambiando.Dalla dipartita di Paolo stà succedendo qualcosa.
    Tu mi hai fatto rivenire in mente Bertinotti con il governo Prodi….chissà,non è certo un augurio.
    Di sicuro ci mancherai,sei l’unico che a sempre preso posizione,mha lasciam perdere,io il mio ricordo di te ce l’ho!
    un abbraccio gerardo

    • grazie Gerry ma il paragone… non sono cosi importante e fondamentale come figura, anzi direi….sono un figurino…
      abbracci musicali
      faster

  136. eri da sempre il compagno di viaggio ideale che suonava nella mia autoradio nel tragitto che dal lavoro mi riporta a casa…rispetto le tue decisioni cmq e spero di riascoltarti presto…magari insieme a Marione, perche no? lui parla della Roma….E tu metti la tua musica che e’ anche la nostra…ti abbraccio e in bocca al lupo…prince

  137. Prince sono uno dei tanti silenti in ascolto e che ritardava l’uscita dall’ufficio x fare l’oretta di tfc in compagnia tua e della tua musica splendida. Avevo paura di aprire il tuo sito e trovare quello che immaginavo…. Veramente brutta storia!!! Mi mancherai moltissimo. Spero di risentire la tua voce e le tue skalette prestissimo. GRAZIE per i tantissimi momenti divertanti felici e toccanti che hai regalato a noi tutti. Un silente smascherato.

  138. grande Faster mi dispiace un casino, la profezia dei SantaritaSakkascia si è purtroppo avverata: “unica stazione Rock a Roma: Stazione Termini!”

  139. C’era una volta qualcosa di cui noi romani potevamo andare fieri. C’era l’unica radio in Italia che sintonizzandocisi eri sicuro che avrebbe trasmesso musica…. MUSICA! Una radio aperta, colta, divertente, ironica, varia e variegata, emozionante, sincera, trasgressiva, trasversale, rock, nel senso filosofico del termine.
    C’era una volta Franz Andreani, Giampaolo Castaldo, Marco Artico, Guido Bellachioma, Aldo Semenuk,…, c’era una volta l’insopportabile ma indispensabile Paolo Mazzullo; ma dolorosamente c’era una volta anche Prince Faster. Basteranno Giannotti e Margus per giustificare l’orgoglio di una volta. (E il tuo compagno di merende Terragni??).
    Tante volta avevo pensato di scriverti per lamentarmi (sfogarmi) della china che negli anni la NOSTRA radio stava prendendo, sicuro che avresti capito chi aveva cominciato a sentire questa radio quasi per caso già dalla fine degli anni 80. Scriverti per salutarti fuori dalla radio però non era in programma.
    Non conosco i motivi, non prevedo ripensamenti. Mi mancherà la tua varietà di proposta musicale, la tua competenza, il tuo umorismo scanzonato, le tue recensioni. Praticamente sempre d’accordo con te (a parte Phil Collins 🙂 ), ora sarò costretto a portarmi i cd in auto per non annoiarmi il pomeriggio tornando a casa.
    Grazie per la compagnia e degli anni passati insieme.
    G

    • Giancarlo, così però me fai commuovere!!!!!
      ma la musica suona sempre a prescindere da dove esce.

  140. comincio ad odiare il cibo, di quello si parla ora… bah
    mia figlia ha 4 anni e mi chiede di prince. Mi spiace che non possa crescere anche lei con la tua voce, che non possa avere te, mèntore come lo sei stato per me, qui nel deserto radiofonico salentino. Sarò molto MA molto MA moltissimo più ignorantissima… lo vedi CHE NON PARLO NEnACHE PIù BENE L’ITAGLIANO… GRAZIE PRINCE DI TUTTE LE COSE BELLE CHE MI HAI REGALATO, DAVVERO

  141. …….sono basito…..non riesco a trovare le parole e in queste situazioni mi sembra di dire parole sempre scontate……..mi mancherai…..e ti assicuro che non è poco…..gli elogi…quelli li sai e li meriti tutti. Ma voglio essere ottimista, un giorno , mi auguro molto vicino, dalle stesse frequenze , ascolterò di nuovo la tua inconfondibile sigla…..Ti auguro quello che veramente merita una persona come te: le cose più belle…..a presto…….

    Mauro

  142. giorni di catatonia radiofonica, da cui mi riprendo un po’ solo adesso. tu e armando eravate i motivi per cui non mi dispiaceva stare in macchina in mezzo al traffico. e adesso boh… grazie di tutto comunque, anche di aver difeso in questo modo il tuo/mio/nostro/di-molti-tanti-forse-troppi-forse-non-abbastanza pensiero. un’altra ascoltatrice silente

  143. MA MICA DIRAI SUL SERIO? SONO MANCATA UN PO’ MA SENTIRTI DIRE CHE NON C’E’ SPAZIO PER TE IN ALTRE RADIO MI SEMBRA ALLUCINANTE.
    IO SONO UN’APPASSIONATA DI CALCIO MA QUESTO NON MI PRECLUDE ALTRE PASSIONI COME LA MUSICA, MICA SONO TROGLODITA SOLO PERCHE’ TIFO PER LA MAGGGICA ROMA!
    IO TI ASPETTO, NON SO DOVE MA TI ASPETTO.
    BACI LORI

  144. Grazie caro Sandro per le tante ore passate insieme, per la compostezza la competenza la passione il garbo e l’ironia che hanno sempre contraddistinto i tuoi spazi…….e grazie per i bei ricordi che mi porto
    dentro delle belle serate al palladium. Ma caspita non stiamo facendo l’epitaffio a un morto.
    Per tua e nostra fortuna sei vivo e vegeto, e sono sicuro che presto ti ascolteremo da qualche parte.
    Purtroppo si è chiusa, dolorosamente,una pagina importante della tua ( e della nostra ) vita, ma credimi non sei te che sei andato via, è la radio che se ne era andata da un pezzo.
    SOLO UNA PIETRA CHE ROTOLA ………… a presto!

  145. Caro Sandro, mi manchera’ la tua trasmissione, la tua cultura musicale, l’opportunita’ di conoscere tante cose belle, le grandi emozioni che mi regalavi. RR non sara’ piu’ la stessa 🙁 Spero che andrai in un’altra radio cosi’ ti potro’ ascoltare ancora 🙂

  146. Nooooo, era tanto che non prendevo la macchina, ma da qualche giorno mi tocca di nuovo affrontare l’odioso traffico, che però di solito veniva alleviato da una voce che mi ha fatto compagnia per tantissimi anni, fin quasi dalla nascita della radio. Voce che in questi giorni non c’era più. Allora faccio un salto sul tuo sito per vedere cosa fosse successo…e … ma che m’hai combinato? Pure te? E noi adesso cosa facciamo? Eri rimasto l’ultimo per cui ancora aveva un senso ascoltare quella radio. Il mio primo ricordo tuo è per quella trasmissione cazzarissima (humoristica) che facevi nei primi anni 90 di cui però mi sono dimenticato il titolo. E poi la tantissima musica che mi hai fatto conoscere, non ultimi i grandissimi Tool che sto ascoltando adesso. E poi mi avevi fatto amare la mattina di Natale per le tue trasmissioni con le musiche dei cartoni animati. E i siparietti con il signor qualcuno. E quando eri l’unico che trasmetteva i monologhi di Grillo. E le tue incursioni sulla politica, sul cinema, sull’audiofilia. E mille altre cose che hai fatto e che resteranno nella storia delle radio.
    Mi mancherai un casino, ma ora verrò qui sul tuo sito più spesso.
    Ti abbraccio

  147. solo ORA, ho realizzato……….e mi sembra tutto più buio
    e mi sembra che il mondo Ora abbia suoni molto differenti
    e mi sembra che…..no, ne son certa, non vi sono certezze
    e nessuna assicurazione per nessuno…

    ma ora….chi mi manderà il cuore in sintonia con la Nostra Musica?

    il Principe, per sua Natura
    così come nel ritmo del MioCardio
    è
    i n s o s t i t u i b i l e

    ………ed anche Sandro, lo scribbacchino, lo spingitor di tasti, mi mancherà…….

    …..nel mio piccolo piccolo pensare, che a nulla ed a nessuno serve, Ti auguro buona Musica, del buon vino rosso, belle carte alla mano del tresette con tanto d’accuso e due braccia calde e confortevoli di donna bella e sana e forte che ti ami…………………………………….e tutti i miei “grazie” tacitamente pensati ogni sera per mooooooooooooooolti anni passati insieme…..insieme a Te———————-

  148. Ciao Prince, di giorni dalla tua decisione ne sono passati. Mi sono presa del tempo prima di intervenire xchè speravo che la situazione fosse momentanea. Constatato che così non è, ho iniziato ad indagare e mi spiace trovare in giro solo conferme della tua assenza e non resistito, devo dire la mia.
    Lo ammetto, inizialmente ho anche pensato “forse Prince stavolta ha esagerato”, ma col senno di poi ti dò il mio pieno appoggio. In effetti l’azione che ha scatenato la tua decisione è stata insopportabile e forse è stata anche la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.
    Del resto di gocce a RR ce ne sono state svariate nell’ultimo anno.
    Si sentirà la tua mancanza alla radio.
    Spero di poter continuare a sentire la “tua musica” in giro per Roma e se la timidezza me lo permette, uno di questi venerdì vengo a stringerti la mano!

    In bocca al lupo
    Moni72

    • ciao Moni, e grazie per il tuo post, sulle gocce evito di pronunciarmi per evitare polemiche.
      a venerdi
      faster

  149. 2011…

    Wow! This can be one particular of the most helpful blogs We have ever arrive across on this subject. Actually Fantastic. I am also a specialist in this topic therefore I can understand your effort….

  150. Ciao prince,questa mattina di natale ci sei mancato,eravamo abituati a sentire le tue castronerie mentre tutto il mondo si abbuffava a casaccio.Apprezzo molto la tua decisione e ti mando un caloroso abbraccio anche da parte della mia Maru..a presto..Marco dal paesello

  151. Felice è poco…..,,Oggi ho letto dell’imminente debutto su altra frequenza. Daje Princetto siamo
    un’esercito, facci sapere e noi arriviamo. Io ti seguo da quando trasmettevi da casal bruciato e
    voglio continuare.
    Sbrigati, Ciao

  152. Spero che la tua decisione giova professionalmente e non sia a te quanto alla radio, in fin dei conti siete entrambi dei punti di riferimento.
    Mi chiedo, se non ci fosse stata la scomparsa di Mazzullo, le cose sarebbero andate uguale?
    Tante cose belle per il 2012

  153. 2011…

    I love your blog.. very nice colors & theme. Did you create this website yourself? Please reply back as I’m looking to create my own blog and would like to know wheere u got this from. thanks…

  154. Non so come si siano sviluppati i fatti, ricordo solo che nella trasmissione della mattina sarebbe stato intervistato un rappresentante di casapound (che trovo assurda) e da li lo scatafascio…mi piacerebbe capire come ci si è arrivati (dove posso leggere q.cosa?)
    per me radiorock era il riferimento dei miei spostamenti e delle mie serate quando possibile, della mia musica e della sua scoperta, della caxxarate, degli sms, anche se ero un ascoltatore semi-silente
    era la radio di armandino di oreste prince mazzullo jelena (anche lei che è tornata non mi sembra + lei con la sua carica ed energia) margus terragni anche del pappagallo ma soprattutto del loro apporto che mi dava un senso di appartenenza alla radio..ora la sento sempre meno mia, nn mi stimola più, non mi diverte…continuo ad ascoltarla ma giro su altre, deluso ed inc….to di come si sia arrivati a questo e dell’ottusità di chi, nella radio, ha permesso che ciò accadesse
    caro prince non riesco ancora ad ascoltarti nel tuo nomadismo…ma spero che presto riusciate a ritrovarvi (anche con gli altri pilastri storici di RR) in un nuovo contesto radiofonico tutti insieme x la nostra gioia
    in bocca al lupo ed un abbraccio
    ad maiora

    • Ciao Patrizio, puoi leggere tutto qui sul mio blog, la vita mi ha portato a non giudicare mai gli altri ma giudicare solo me stesso, e credimi sono piuttosto severo verso di me. Quello che era la radio e quello che è ora lo lascio dire a chi ascolta o ascoltava, personalmente dopo 27 anni fare una scelta del genere non è stato semplice come puoi ben immaginare ma a tutto c’è un limite, evidentemente quel limite per me era invalicabile tutto qui.
      Adesso continuo a fare radio perchè è la cosa che più mi piace, e credimi mi sento rinato.
      Un caro abbraccio
      prince faster

Comments are closed.