Non ci sono più i dischi di una volta.

0
985 views
Chrome Hoof

Sarà che se ne ascoltano tanti ma così tanti che spesso ti ritrovi con un pugno di mosche in mano,

però anche tanti anni fa ne ascoltavo tanti, e le mosche erano un pò meno, oggi servirebbe una zanzariera blindata.

Tanto per gradire beccatevi questa primizia semplice semplice ma solo all’apparenza.

[soundcloud url=”http://api.soundcloud.com/tracks/114749283″ params=”” width=” 100%” height=”166″ iframe=”true” /]

Prendiamo ad esempio gli ultimi trenta giorni: il Pop di “maniera” dei Morcheeba con Head Up High, discreto intruglio dal vago sapore trip e un pò hop,  Korn – The Paradigm Shift, normodotato disco fatto da una band che tenta incredibilmente di sovrascrivere la sua storia bella e fatta di grandi slanci, ma anche di pessime cadute e questa è una di quelle.

Non metto nel mazzo ne il patetico disco di Sting, e ne tanto meno quello di Elton John che per tutto il disco tenta di suonare il “sequel” di Goodbye Jellow Brick Road ma non ce la fa, per cui mi getto a capofitto nei nonnetti della musica elettronica quali sono i Four Tet, “Beautiful Rewind” è carino e pieno di ottimi spunti non espressi e poco sviluppati, ma dignitosamente abbozzati.

King Krule con quei paio di singoli mi aveva incuriosito, ma il disco dopo due ascolti ti viene voglia di spaccarlo, iper pompato dalla critica e non se ne capisce il motivo, il bello è che il primo singolo che avevo ascoltato davvero mi pareva un bel lavoro ma evidentemente resta solo una bella ipotesi inespressa e un po noiosa.

Mi piace molto “i” di Moby, evocativo, ben arrangiato e ospiti azzeccatissimi, mi risulta indecifrabile N.I.N. “Hesitation Marks” bello, poi diventa noioso, poi lo riascolti e ti ri-piace….e così via, per chi invece vuole sentire qualcosa di semplice ma pieno di passione si butti su Jay-Jay Johanson – Cockroach in alcuni momenti sorprende.

Se volete invece ascoltarvi un po di allegria, stravaganza e musica senza tempo, beh “Steal The Light” di Cat Empire fa sicuramente al caso vostro, così se volete sentire cose d’alto bordo recatevi in casa di Esmerine e chiedetegli “Dalmark” ne vale la pena.

Ma tra tutti i dischi che ho ascoltato ce ne sono due o tre che vi consiglio; il primo è il nuovo pazzo dei Chrome Hoof “Chrome Black Gold” senza indugiar cercate e ascoltate!!! così come è da non perdere se non altro per rispetto verso una leggenda che non tramonta mai Roy Harper e Man And Myth, il nonnetto ancora stupisce.

Una cosa è chiara, se dovessi consigliarvene due da comprare visti i prezzi ed il drammatico momento economico, beh forse mettendomi una mano sulla coscienza, non ve ne consiglierei neanche uno.