Jimi Hendrix, People Hell e Angels new album

1
1.019 views
jimi_hendrix_by_j9qw-d4vyece

 

Cosa conterrà questo ennesimo album postumo del più grande chitarrista della storia del rock nessuno ancora lo sa,

fatta eccezione per il suo amico nonchè tecnico Eddie Kramer che ne ha curato tutta la produzione.

Il materiale risale al periodo che va dal 1968 al 1969, stesso periodo di Valleys of Neptune.

Jimi Hendrix incise Electric Ladyland tra l’estate del 1967 e l’agosto del 1968 tra New York e Londra, il materiale contenuto in People Hell e Angels è parte integrante, insieme al contenuto di Valleys of Neptune del quarto album che Jimi non riuscì mai a terminare.

Valleys Of Neptune fu mixato dallo stesso Eddie Kramer, così come questo lavoro che uscirà in marzo, Eddie lavorò con Hendrix sia In Axis Bold as Love, in Electric Ladyland che in praticamente tutte le centinaia ore di registrazione che vennero effettuate tra 1967 e il 1970 ad eccezione dell’ultimo periodo come racconta durante un intervista che feci qualche anno fa a Brian Auger in merito al suo incontro con Jimi negli avveniristici Electric Lady Studios “l’ho trovato solo e triste, un uomo divorato dalla mania di registrare qualunque cosa, era solo in una cattedrale fatta di fantasmi, era completamente diverso da quando lo feci esordire a Londra qualche anno prima.”

Conosciamo il maniacale perfezionismo di Hendrix attraverso le innumerevoli dichiarazioni di Chas Chandler di Kramer di Noel Redding che il giorno incideva le parti di basso e il giorno dopo le trovava re incise dallo stesso Hendrix, del povero Mitch Mitchell che era costretto ad incidere decine di volte lo stesso pezzo, quella stessa mania lo porterà alla solitudine in una cattedrale dorata e maledetta.

Prince Faster