Jambinai pubblicano A Heritage

0
468 views
Jambinai

Ho avuto occasione di parlare di questa straordinaria formazione sud coreana qualche mese fa.

Dopo un lungo e attento ascolto, dopo averlo digerito per bene, ritengo ” A Heritage” un vero capolavoro, uno di quei rari casi in cui diventa impossibile trovare definizioni o rimandi; A Heritage è il classico disco “Impossibile” uno degli album più di confine che siano usciti quest’anno.

Per altri versi, e/o per altri tempi, possiamo paragonarlo a Metal Machine Music, oppure all’illuminate Incunabula; dischi di questo spessore, di questa forza oramai se ne trovano davvero pochi in giro, “A Heritage” è una sorta di anomalia spazio temporale, dentro c’è davvero di tutto, dalla musica sperimentale al resto del mondo musicale che vi viene in mente, sembra di cadere in un labirinto irto di spine e rovi, un girone infernale ma anche un meraviglioso sguardo verso il futuro.

Jambinai hanno saputo sitetizzare 50 anni di musica, concentrandoli e filtrandoli attraverso le memorie della cultura orientale, piegando ogni logica musicale come fosse una curva spazio temporale.

 

Jambinai

“Arrivano dalla Corea del Sud e sono un progetto davvero straordinario. La musica che riescono a tirar fuori rappresenta un incredibile crossover tra tradizione e modernità.

Infatti, l’uso di strumenti acustici del loro paese d’origine, suonati insieme a strumenti musicali tipicamente occidentali, rendono il tutto molto convincente ed il risultato va oltre ogni più rosea aspettativa.”

Jambinai sono una vera esplosione di colori e sensazioni, il sound raccoglie alcuni derive vergate a tinte post rock che si fondono con la cultura coreana, in questo caso rivoluzionata grazie alle forti tinte acustiche sperimentali.

Nel febbraio 2014 pubblicarono “Differance”, il disco attirò le attenzioni dell’etichetta inglese di Robin Guthrie e Simon Raymonde “Bella Union”, e il 17 giugno la label pubblicherà  “a Hermitage”

Lee Il-woo – guitars, piri
Shin Eunyong – geomungo, glockenspiel, vocals
Kim Bomi – haegeum, vocals