Silvio, le frasi famose

0
1.184 views
processo_ruby

La gente deve fidarsi solo di chi dice la verità” (2-3-94) Silvio Berlusconi.

“Da novembre ho dato mandato irrevocabile alla Fininvest di vendere le tv” (18-3-95).

La mia carriera canora (come cantante sulle navi da crociera, ndr) è cominciata con una tournée in Libano” (7-6-1989). Berlusconi non è mai stato in Libano.

“Ho studiato due anni a Parigi, alla Sorbona, e per mantenermi dovevo suonare e cantare nei locali della capitale” (8-7-1989). Ma Berlusconi non ha mai studiato alla Sorbona: semmai alla Statale di Milano.

“Il conflitto d’interessi sarà risolto nei primi cento giorni del mio governo” (5-5-2001).

“Ho dato incarico ai miei manager di avviare le dismissioni delle mie proprietà” (23-3-94).

SE VE LA SENTITE….PROSEGUITE PURE, ALLA FINE VERRETE PREMIATI CON UN FILMATO.

Non c’è stata una sola decisione assunta da questa maggioranza e da questo governo che abbia portato cose a mio favore. Da quando sono sceso in politica, il mio gruppo ha subìto soltanto danni enormi”. (7-5-2003)

“Se c’è una cosa che mi viene addebitata e che non risponde al vero è da parte mia un giudizio negativo nei confronti dei magistrati” (25-11-95).

“Mi consenta ancora una volta di esprimere ammirazione verso la magistratura e i giudici” (23-1-96).

“Io sono un grande estimatore della magistratura e l’ho dimostrato nella mia attività di governo, durante la quale sono sempre stato vicino ai problemi dei giudici” (7-12-95).

“Basta con i ladri di Stato, noi siamo per una politica nuova, diversa, pulita. Siamo l’Italia che lavora contro l’Italia che ruba”

Ho dato soldi a Ruby perchè non si prostituisse.

Costruiremo un campo da golf.

Costruiremo un casinò.

Mi sono comprato casa a lampedusa.

Se io facessi la scelta politica dovrei abbandonare le televisioni e cambiare completamente mestiere. Un partito di Berlusconi non c’è stato, nè ci sarà mai” (13-9-93)

Il criterio per l’assegnazione dei ministeri sarà assolutamente meritocratico, nessuna spartizione delle poltrone (19-4-94)

Da questo governo non verrà mai messa in discussione l’indipendenza dei magistrati” (al Senato, 16-5-94)

“Vi assicuro che non ci sarà il condono edilizio” (30-5-94)

Alla Rai non sposterò nemmeno una pianta” (29-3-94)

Questa Rai non piace alla gente: me l’ha detto un sondaggio. Il governo se ne occuperà tra breve” (7-6-94)

La par condicio ha danneggiato gravemente il Polo delle libertà” (20-4-95)

“Dire che nell’attività di governo e politica ci sia stato qualche volta un interesse personale, non solo del signor Berlusconi, ma anche di altri membri di Forza Italia, è una vergogna” (14-12-95)

Non so se avrò voglia di tornare a Palazzo Chigi. Troppo faticoso. La presidenza del Consiglio non la reputo essenziale, non ho questa ambizione personale” (10-2-95)

[youtube width=”320″ height=”250″]http://www.youtube.com/watch?v=KBt_mtaU6rs[/youtube]

Adesso che si torna al teatrino della politica, diventa inutile che io resti in pista. Meglio tornare a curare le mie aziende” (31-5-95)

Non ho mai usato né mai userò i miei mezzi di comunicazione per scatenare campagne di aggressione contro un concorrente, né diffamare chi non è d’accordo con me. Lascio questi metodi ad altri” (Epoca, 20-10-93)

Io non ho nulla a che vedere con All Iberian e non possiedo società off- shore all’estero” (15-3-2000)

“Nessun mistero sulle origini delle mie fortune: ho cominciato con la liquidazione di mio padre: 30 milioni” (26-4-2001). Poi, però, fra il 1978 e il 1983 Berlusconi si ritrovò in tasca 113 miliardi

“Meno tasse per tutti” (maggio 2001)

“Ho fatto un’esposizione sommaria della legge finanziaria e ho trovato un’ottima accoglienza sia da Prodi sia dal commissario Pedro Solbes” (10- 10-2001)

“Non ne abbiamo neanche parlato”. Anche Solbes lo smentisce: “Non ho espresso alcun giudizio sulla finanziaria italiana, la valuterò insieme al patto di stabilità”.

Comprare Alessandro Nesta (difensore della Lazio e della Nazionale, ndr) per il Milan? Sono cose che non hanno più nulla di economico, di morale. Nel calcio abbiamo sbagliato tutti, ora basta” (23-8-2002).

L’indomani il Milan di Berlusconi annuncia l’acquisto di Nesta, avvenuto da almeno una settimana.

“Mediaset non farà alcun ricorso al condono fiscale” (30-12-2002).

Cinque mesi si scoprirà che Mediaset ha regolarmente fatto ricorso al condono, risparmiando così circa 120 milioni di euro di imposte.

“Giuro sui miei cinque figli che non so nulla di quanto mi viene contestato (le tangenti alla Guardia di Finanza, ndr). Sono vittima di una grande ingiustizia.

“Io corruttore? Sarebbe come incolpare suor Teresa di Calcutta.

Siamo stati costretti a pagare da un’associazione a delinquere come la Guardia di Finanza, da elementi deviati di un corpo armato dello Stato” (16-1-96). Con buona pace dell’incolpevole prole, due dirigenti Fininvest verranno definitivamente condannati per corruzione della Guardia di Finanza, un consulente legale definitivamente per favoreggiamento, i due segretari per falsa testimonianza in primo e secondo grado, mentre Berlusconi verrà condannato dal Tribunale per corruzione, dichiarato prescritto (cioè responsabile, ma non più punibile) dalla Corte d’appello, infine assolto dalla Cassazione. Ma solo per “insufficienza probatoria”.

“Publitalia non ha mai emesso fatture false, e funziona come un orologio” (31-5-95)

Ma i massimi dirigenti di Publitalia, dal presidente fondatore Marcello Dell’Utri in giù, hanno patteggiato condanne per decine di miliardi di false fatture e frodi fiscali.

“Sono pronto a lasciare la guida del Polo, la Camera e la vita politica se verrà dimostrato un rapporto mio o della Fininvest o di una società del gruppo col signor Bettino Craxi, diverso da quello della pura amicizia!” (29- 11-95).

La Corte di Cassazione, confermando la prescrizione del reato di finanziamento illecito nel processo sulla società berlusconiana off-shore “All Iberian”, ha ritenuto dimostrato che Berlusconi versò illegalmente a Craxi, tra il 1990 e il 1992, ben 21 miliardi estero su estero.

“Le mie aziende o le congelo o le vendo. Voglio assolutamente dividere i miei interessi privati che ho come azionista Fininvest dalla mia attività pubblica che svolgerò nell’interesse di tutti. Credo che quella del blind trust americano sia la soluzione ideale” (11-4-94).

“Oggi vi annuncio che ho deciso di vendere le mie aziende, perché credo che qualcuno, quando si prende un impegno e dentro questo impegno ci sono certe condizioni che sono ostative allo svolgimento globale dell’impegno, deve avere anche il coraggio di sacrificarsi… Non sarà facile trovare un compratore, ma andremo in Borsa con la televisione e terrò una quota assolutamente non di maggioranza” (23-11-94).

“Venderò le tv ad imprenditori internazionali” (Il Giornale, 1-4-95).

SMETTO PERCHE’ MI E’ VENUTO IL GOMITO DEL TENNISTA A FORZA DI COPIARE E INCOLLARE.

LA FOTO QUI SOTTO RITRAE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE

UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE UN ALBERO DI NATALE

HO DETTO CHE E’ UN ALBERO DI NATALE E BASTA!!!