Il Ritorno del Minimoog Model D

0
341 views
home_news_moogmodeld

Messo in commercio nel 1972 il Minimoog Model D era frutto di una serie di sperimentazioni realizzate nei laboratori Moog, dove venivano messi a disposizione degli artisti dell’epoca gli elementi che componevano il monumentale Moog Modulare, il grande sintetizzatore messo in circolazione nella seconda metà degli anni 60.

Il Moog Modulare, ebbe grande fortuna grazie al successo commerciale del disco di Walter Carlos “Switched-On Bach” (1968) e venne adottato da alcuni degli artisti più inventivi dell’epoca dai Tangerine Dream a Keith Emerson. Ma pur offrendo notevoli possibilità di creazione e modellazione del suono era uno strumento ingombrante e complesso da utilizzare.

I tecnici della Moog quindi individuarono quali fossero i moduli più utilizzati e secondo quali schemi di collegamento e li assemblarono in un unico mobile pilotati da una tastiera, questa compattazione in formato ridotto del Moog Modulare venne chiamata Minimoog, del quale vennero sviluppati alcuni prototipi dal Model A al finale Model D.

Il successo del Minimoog fu straordinario, venne adottato dai più importanti tastieristi dei due decenni successivi, da Chick Corea a Rick Wakeman, dai Kraftwerk a Flavio Premoli della PFM. Uscito di produzione nel 1981 la Moog riprese a produrre il Minimoog nel 2002 con il Minimoog Voyager che introduceva alcune sostanziali novità all’architettura del sintetizzatore, ma solo nel 2016 ha deciso di riproporre il modello originale, ovvero il Model D.

Il nuovo Model D introduce alcune piccole innovazioni, fra le quali una tastiera Fatar con velocity e aftertouch , un LFO analogico con forme d’onda triangolari e quadre, uscite CV (Control Voltage) per pitch, gate, velocity e after pressure, l’integrazione MIDI di base, e una modifica di overload del mixer che permette di realizzare suoni più carichi e saturi.
Il nuovo Model D ricalca il progetto originario riproponendo la leggendaria timbrica Moog che ha caratterizzato tanti classici della musica del XX secolo. Il nuovo Model D sarà realizzato in piccole quantità mensilmente data la complessità di realizzazione.