Deep Purple, un nuovo disco, perchè!?

3
1.037 views
deep-purple-now-what-586x216

E’ la domanda che mi sono posto dopo averlo ascoltato, ma domande come queste non hanno una risposta se non quella

di: “fatti i cazzi tuoi che noi facciamo tutti i dischi che vogliamo” giusta e legittima risposta, però mi chiedo , perchè rovinare una strepitosa carriera con porcherie del genere?!?! Va beh Prince, però pure te te le vai a cercare!!! giusto, però la curiosità per un appassionato di musica è fondamentale.

Si perchè il disco nuovo dei Deep Purple è veramente una porcheria, un insulto alle orecchie di chi ricorda Lazy, o Smoke on the water, si certo stiamo parlando di ere siderali or sono anche perchè per me i Purple sono terminati con Stormbringer, era il 1974, oggi vado ad ascoltare per pura curiosità questo nuovo disco e mi viene da piangere perchè sfugge la motivazione di tale orrore, ma sopratutto perchè le persone a loro più vicine non gli dicono la verità!!?!? il disco fa cagare.

Gruppi come i Deep Purple dovrebbero solo suonare dal vivo ed evitare figure orribili come queste

3 COMMENTI

  1. gia non aveva senso continuare senza Blackmore,figuriamoci adesso che non c’e’ piu Joh Lord,patetici musicanti…

  2. Per me i Deep Purple sono finiti nel 1974 con la pubblicazione di Burn pur avendolo sentito varie volte, erano meglio quando cantava Ian Gillan

  3. Due paroline sull’ultimo disco dei DP:
    A parte l’imbarazzante “ovvietà” di dedicare il disco a Jon Lord (un’americanata fuori luogo per un gruppo per 4/5 inglese), la svolta tastieristica delle composizioni e degli arrangiamenti fà dei DP un gruppo che oramai cita tutto il bagaglio tecnico di un Don Airey che per troppo tempo ha suonato SOLO musica degli altri.
    E’ come quando fai entrare troppo il… produttore nelle parti artistiche di un tuo lavoro. Inevitabilmente riverserà nella tua musica quella di tutti o quasi gli altri che ha prodotto.
    Cioè, un bagaglio tecnico mostruoso ma prelevato da magazzino/archivio che ha in testa e non nel cuore.
    Troppo poco per un disco che esce dopo otto anni dall’ultimo.
    Ah, dimenticavo. Ci vuole un chitarrista nuovo, quello attuale è “esausto”.

Comments are closed.