Moreno Viglione è un talento vero, suona la chitarra da sempre, qui in un video home made, si cimenta in un brano davvero complesso, Giant Steps di John Coltrane e il video diventa virale.

Chi se lo aspettava, una piccola telecamera, e giù a suonare le complicate note di uno dei capolavori di John Coltrane “Giant Steps”; due anni fa lo posta su youtube e il video raggiunge quasi 350.000 visualizzazioni, numeri assurdi per il jazz; numeri che per le popstar sarebbero risibili, qui però siamo dinanzi ad un brano jazz, e il jazz non è certo paragonabile ai numeri che collezionano i vari Ed Sheeran con I Don’t Care (450 milioni di visualizzazioni), o peggio ancora Pinkfong Baby Shark con Baby Shark Dance (quasi NOVE MILIARDI di visualizzazioni). E’ chiaro che questi sono capodogli con gente che lavora solo su quello, mentre il nostro Moreno Viglione ha preso il video e lo ha caricato, punto.

Il chitarrista romano è figlio d’arte ed è un vero appassionato di Gipsy jazz manouche, innamorato del grande Django Reinhardt (come dargli torto!?), anche se suona dal rock al metal, al blues fino alla musica pop, al mondo cantautorale, è pur vero però che quando si tratta di suonare jazz manouche a Moreno gli sorridono gli occhi e le dita, perché lui è davvero un fenomeno!

La cosa pazzesca e anche assurda, è che il disco di Coltrane che è stato caricato sul profilo ufficiale, ha meno visualizzazioni di quello di Viglione, con questo non vogliamo dire che sia migliore, fa però piacere sapere che un italiano/romano sia riuscito in qualcosa di davvero stupefacente, ovvero, far ascoltare un brano jazz (suonato peraltro in maniera ineccepibile) a tantissime persone.

Conoscendolo da molti anni, non posso che essere felici di tutto questo.

In bocca al lupo Moreno!!!

Prince Faster

Iscrivetevi al canale ufficiale youtube di Moreno Viglione.

Moreno Viglione – Giant Steps

John Coltrane – Giant Steps

China Boy – gypsy jazz improvisation

Cherokee improvisation 310 bpm

Moreno Viglione bio:

Moreno Viglione chitarrista, compositore, arrangiatore e insegnante di chitarra, vanta un’esperienza quasi trentennale. Ha suonato in tour e in studio con molti artisti di fama nazionale e internazionale.

In ambito jazzistico con alcuni dei maggiori esponenti del gypsy jazz, come Angelo Debarre, Samson Schmitt, Noe Reinhardt, Dorado Schmitt e Tim Kliphuis.
In tour e in tv con Patty Pravo, Mimmo Locasciulli, Fabrizio Moro, Giorgio Tirabassi, Mark Hanna solo per citarne alcuni.

A teatro con Giorgio Tirabassi “il fulmine a tre dita” , Michela Andreozzi “a letto dopo Carosello” al teatro Sala Umberto e il musical “La Febbre del Sabato Sera” al teatro Sistina.

Dal 2013 è stato per cinque stagioni il chitarrista della band residente della trasmissione Webnotte (la Repubblica) condotta dai giornalisti e critici musicali Ernesto Assante e Gino Castaldo dove ha suonato con moltissimi artisti come Ron, Enrico Ruggeri, Raf, Paola Turci, Massimo Ranieri, Nek, J-Ax, Malika Ayane, Francesco Renga, Nina Zilli, Fausto Leali, Carmen Consoli, Fiorello, Noemi, Luca Carboni, Syria, Mario Venuti, Francesco Gabbani, Manuel Agnelli, Fedez, Chiara Galiazzo, Max Paiella, Claudio Santamaria, Irene Grandi, Rocco Hunt, Alex Britti, Toto Cutugno, Nino D’Angelo, I Ricchi e Poveri, Federico Zampaglione, Max Giusti, Patty Pravo, Paola Cortellesi, Edoardo Vianello, Raiz, Peppino Di Capri, Rossana Casale, The Gang, I Nomadi, Lorenzo Fragola, Francesca Michielin, Alberto Fortis, e molti altri.

Con Piji e Bateaumanouche ha partecipato alla trasmissione di Fiorello “Edicola Fiore” per il mese di febbraio del 2016 come chitarrista della band residente.

Discografia

Discograficamente ha collaborato con molti artisti, tra cui Patty Pravo con il live “sold out all’Arena di Verona”, Giorgio Tirabassi “Romantica” e porta avanti alcuni progetti originali tra cui l’Hot Club Roma (formazione jazz manouche) con la quale a registrato “Django mon amour” (widelab 2010), “swinging in Django style” (Cinic record 2015). Con Rossomalpelo “23 con il pelo e con il vizio”, la compilation “Italia” (Putumayo 2009) e “padapè” (Nutrimenti 2005), con Giovanni Di Cosimo “nu5tet” (Rai Trade) e il Moreno Viglione gypsy jazz (trio, quartet, quintet).

Ha all’attivo tre dischi a nome proprio, Moreno Viglione Gyspy jazz quintet, M.V. Wood and strings e M.V. Maybe Blues Trio tutti editi dall’etichetta discografica SiFaRe. Nel 2020 è stato pubblicato il disco “Viglione/Creni/Gattone gypsy jazz trio” (Forward Music Italy) prodotto dal Forward Studio.

Come compositore per cinema e tv ha scritto la colonna sonora del film “L’ospite segreto” , le musiche per tre stagioni della trasmissione “Circo Massimo“ di Rai Tre, musiche originali per le trasmissioni Ballarò (raiTre) e Di Martedì (La7) e brani originali per la prima stagione del format internazionale “when Patrick met Kylie” per National Geographic.