Io e Tom Cruise al pabbetto da Gianni, ep.2

    0
    207 views
    Tom Cruise pabbetto da Gianni
    Io e Tom Cruise al pabbetto da Gianni

    Ieri sera tardi stavo sentendo il nuovo disco di Lykke Li, e gnente, dopo il terzo pezzo, mogio mogio, triste, demoralizzato e con le pive nel sacco, decido di scendere per andare ad ubriacarmi al pabbetto da Gianni.

    Io e Tom Cruise.

    Esco dal portone mezzo distrutto, e da un macchinone gigante scende Tom Cruise! Esatto proprio lui, mi ferma e inizia a parlare fitto fitto:

    – “Bella Prince senti, scusa se te rompo, m’ha dato l’indirizzo tuo Vasquez (Gabriele Niola), l’ho incontrato ieri sera al festival de Cannes alla festa de cosa, come se chiama, aspè….ah si Giuglia Roberz; ahò nun te dico Vasquez come stava!!!

    Buttato su un divano co na nana der circo che stavano a pomicià tutti e due mbriachi come somari, te dico no schifo totale, va beh, comunque, erano tipo du anni che volevo passà al pabbetto da Gianni, però so stato incasinato a fa film su film, poi c’ho avuto una storiaccia co Missione Impossibile, poi s’è sposata mi cognata Scianelle che ha fatto un pranzo che è durato na settimana, e tu pensa, li c’era pure Robert De Niro che m’ha raccontato sta storia del pabbetto da Gianni, dice che lui c’è stato, ma io nun ce credo, quello è un cazzaro lo sanno tutti.

    Comunque, ho beccato l’occasione de sto cazzo de festival de Cannes, che poi è na rottura de cojioni che nte dico, insomma, volevo pjià a barca per venì a Roma, era tutto a posto perché Dagnielino er puzzetta, che impiccia cor porto de Ostia, m’aveva pure trovato un posto ar volo, poi stamattina Pol Mec Cartny, pure lui ‘mbriaco perso, ha cominciato a sparà co a pistola e m’ha bucato a barca, così oggi dopo pranzo ho mollato tutto e me so fiondato da te coll’elicottero che ho parcheggiato ar volo a Porta Furba…………………………………(lunga pausa)…………………………………..

    Senti ciccio, che te dispiace se vengo pure io ar pabbetto da Gianni?!?! E dajeeee nun fa o stronzo, daje, (a voce bassa bassa) non è che me ce porteresti!? E dajeeee e che te costa!!! Dice che fanno le fettuccine alla puttanesca più bòne de Roma, e poi dice che se beve pure bene.

    Mi guarda e:

    – Ahò, ma che gnente gnente te stavi a sentì er disco de Likke Li!?!?! No perché te vedo distrutto, c’hai na faccia..”.

    – Beh si, in effetti stavo andando ad ubriacarmi con Marsala, però dai oramai sei venuto fino a qui, sperando che Gianni non si incazzi, quello quando vede una faccia che non conosce si stranisce subito. Va veh dai, viè co me, ahò, però nun fa casino eh!

    Al pabbetto da Gianni.

    Cari amici vi lascio immaginare…..ha iniziato a baciarmi la mano tipo Re, non la finiva più di ringraziarmi, ha sparato pure sei sette razzi.
    Insomma, alla fine l’ho preso sotto braccio e siamo andati ad ubriacarci con: Io una boccia di Marsala e una di amaro del Carabiniere, mentre Tom Cruise s’è fatto fuori una boccia di Biancosarti e una de Vat 69, poi s’è fatto due piatti di spaghetti alla puttanesca, e un piattone gigante di fritti misti che non finiva mai.

    Così, tra un rutto e una spaghettata, m’ha raccontato che tra un po si compra pure lui le cuffie come le mie, perché dice che De Niro è stato tutta una notte a raccontargli de ste cuffie che aveva sentito a casa mia l’altr’anno…

    Verso le 4 del mattino, con il pabbetto da Gianni oramai vuoto, Tom s’è messo a cantare a  squarciagola “Nina Si Voi Dormite e Dajete Tacco Dajete Punta”, a quel punto Gianni lo ha preso e lo stava buttando fuori, per fortuna sono intervenuto subito placando sia Gianni che Tony er motociclista.

    Indovinate un pò alla fine dove è andato a dormire?!!? A CASA MIA!!!

    S’è svegliato oggi pomeriggio completamente sfatto e con le cuffie mie tra le braccia, alla fine non riuscivo più a mandarlo via perché le voleva a tutti costi, poi gli ho fatto un tisanone di CBD, s’è calmato, mi ha abbracciato scusandosi per comportamento poco carino, e tutto triste se ne è andato a Porta Furba a prendere l’elicottero.
    Fine della storia.

    Prince Faster.

    Ti potrebbe interessare:

    Tom Cruise, breve bio.

    A New York s’iscrisse ai corsi serali della scuola di recitazione Neighborhood Playhouse, viveva in un appartamento in condivisione cercando di sbarcare il lunario con lavoretti. Al rinnovo del contratto, decise di cambiare agente. Il suo nuovo agente lo fece volare a Los Angeles per il casting di una sit-com e successivamente lo fece apparire in Amore senza fine, di Franco Zeffirelli, che fu l’esordio cinematografico di Cruise.

    Incominciò a quel punto una carriera da fotomodello, quando si accorse però che diverse sue foto erano finite in un giornale gay, smise di fare quel lavoro, che gli garantiva una certa entrata. Tom decise di tornare a Glen Ridge, ma prima fece un provino per Taps – Squilli di rivolta, dove interpretò David Shawn per volere del produttore Stanley Jaffe e fu per lui il suo primo ruolo importante.

    Tom fu convinto dal suo agente a interpretare nel 1982 Un week-end da leone, commedia sexy vietata ai minori. Il film però non fu ben accolto né dalla critica né dal pubblico. Tom si trasferì a Los Angeles e firmò un contratto con un nuovo agente, Paula Wagner.

    Partecipò quindi al cast per il film I ragazzi della 56ª strada di Francis Ford Coppola aggiudicandosi il ruolo di Steve Randle, accanto ad altri giovani attori quali Matt Dillon, Emilio Estevez, Rob Lowe, Ralph Macchio, Patrick Swayze e C. Thomas Howell. Fece poi un provino per Risky Business – Fuori i vecchi… i figli ballano ottenendo il suo primo ruolo da protagonista e una certa notorietà. Nel 1983, sul set di Risky Business, conobbe Rebecca De Mornay, con la quale ebbe una relazione di circa due anni.

    Fonte wikipedia.