13 serie tv preferite che ho visto più volte

0
362 views
13 serie tv preferite

13 serie tv preferite che ho visto più volte.

Era da tempo che meditavo di stilare la lista delle mie serie preferite, anzi, forse non sono proprio le mie preferite, non tutte almeno, ma sono quelle che ho visto più volte, quelle che quando non so che vedere, diventano il rifugio perfetto per ammazzare la noia o per rilassarmi e passare un po di tempo senza musica.

Sono le migliori in assoluto? assolutamente no, però sono quelle che ho visto più volte.

Mi chiedo spesso se ci siano altre persone matte come me che rivedono cose già viste e riviste (mi capita spesso con i dischi, a voi no?), si perché queste serie sono quelle che iniziano e finiscono ad ogni puntata, che poi si chiamano serie ad episodi!!

Personalmente non ne posso più di vedere serie che durano 8/10 puntate solo per raccontare un unico evento, mi annoiano, in realtà sono dei film allungati fino alla nausea, oggi è la norma, oramai le fanno tutte così, sono quasi tutte pallose e pedanti a morte perché sono lente, prolisse, banali e stancanti.

Perché invece rivedo con piacere quelle che hanno un inizio e una fine, ovvero quelle ad episodi?! Perché sono serie che durano 7, 15, 20 stagioni e che hanno in media 20 episodi a stagione, per cui è difficile ricordarle tutte in quanto dei veri e propri mini film, mentre, come ho già detto, la nuova tendenza è farle con poche puntate che raccontano un solo unico evento.

Ho sopportato “The Continental” perché, tra le altre cose, ha una colonna sonora tra le migliori mai sentite, anche “Avvocato di Difesa” che è stato tra i migliori degli ultimi anni, ho resistito con “Narcosantos” perché è davvero fuori dalle regole, ma la lista più o meno si ferma qui.

Mi piacciono tantissimo le serie “Medical“, imperdibile per me è Grey’s Anatomy, oramai diventata una sorta di soap, 19 stagioni, in corso.

Royal Pains, anche questa la vedevo spesso, leggera, divertente è fuori dagli schemi, la serie purtroppo è oramai introvabile.

Code Black, la serie medicale splatter per eccellenza, fiumi di sangue, e operazioni chirurgiche in primo piano; in questa mia lista non possono mancare The Good Doctor, e New Amsterdam.

P.S. vedo spesso anche “Arsenio Lupin“, quello degli anni 70 con il grande Georges Descrières, “Il commissario Maigret“, quello con Gino Cervi, e tutti gli “Sherlock Holmes” a partire dall’edizione degli anni 60 con Basil Rathbone, quella con Jeremy Brett, incluse quelle elencate nella lista delle 13 serie tv preferite .

Detto ciò, ecco le 13 serie tv preferite e che ho visto più volte, tante volte.

Prince Faster.

  • Nero Wolf

Parto da Nero Wolf, serie televisiva che venne mandata in onda dal 1969 al febbraio 1971 sulla Rai, interpretata dal mitico Tino Buazzelli e Paolo Ferrari mi piace moltissimo, colonna sonora jazz di Nunzio Rotondo.

La serie era in bianco e nero e quasi totalmente girata in studio.

Nel 2012 ne fu fatto un remake (al momento introvabile) di otto puntate con l’ottimo Francesco Pannofino e Pietro Sermonti, anche questa edizione vale la pena di essere vista.

8/10

  • Aprite Polizia

Andata in onda tra il 9 agosto e il 13 settembre 1958.

Aprite Polizia è una serie che ha fatto la storia della tv, ma che oggi risulta datata e ingenua. La trama segue le indagini del commissario Alzani, un giovane e brillante poliziotto appassionato di boxe e film di gangster, e del suo fedele maresciallo Patanò, un vecchio e scanzonato sbirro che fa da contraltare comico. Insieme, i due risolvono sei casi di omicidio, tra cui quello di una modella, di un pugile e di un cantante lirico.

La serie ha il merito di aver introdotto il genere poliziesco in Italia, con atmosfere noir e un protagonista antieroe, ma soffre di una sceneggiatura banale e prevedibile, (ma siamo nel 1958!!!), di una regia statica e di una recitazione teatrale e molto lenta, ma si sa, erano gli anni 50.

Curiosità: nella serie ci sono i primi inseguimenti automobilistici, e all’inizio della prima puntata, il commissario parla guardando in camera, cosa veramente ardita per l’epoca.

  • Castle

Castle è una serie tv americana che ha debuttato nel 2009 e che è andata avanti per otto stagioni. La serie segue le vicende di Rick Castle, un celebre scrittore di romanzi gialli, che viene contattato dalla detective Kate Beckett del NYPD per aiutarla a risolvere casi complessi.

Lui è innamorato follemente della detective ma lei non se lo fila per niente ma…..

E’ tra le mie preferite. 8 stagioni.

8/10

  • Bones

Tra le 13 serie tv preferite non poteva mancare “Bones”.

Serie USA 2005 sono state prodotte ben 12 stagioni. Temperance Brennan, un’antropologa forense lavora per il Jeffersonian Institute di Washington, D.C., e di Seeley Booth, un agente dell’FBI che collabora con lei per risolvere casi di omicidio.

I due protagonisti vanno avanti per diverse stagioni senza nemmeno sfiorarsi, la serie mi piace perché va al sodo, non ci sono quasi mai intrecci e tresche di sorta. 12 stagioni.

7/10

  • Elementary

E’ un’interpretazione moderna delle opere di Arthur Conan Doyle, Sherlock Holmes, ma con Watson che è una donna.

La serie segue le vicende di Watson, una dottoressa in medicina che, dopo aver perso la licenza da chirurgo, diventa l’assistente di Holmes, un ex-tossicodipendente che lavora come consulente per la polizia di New York.

La serie è un mix perfetto di giallo, dramma e commedia. Watson è un personaggio forte e indipendente, che non si lascia intimidire da Holmes che è un genio, ma anche un uomo complesso e problematico. 7 stagioni.

9/10

  • The Good Wife

La serie racconta la storia di Alicia Florrick, una donna che, dopo lo scandalo sessuale che coinvolge il marito politico, torna a lavorare come avvocato.

La serie è ben scritta e ben interpretata, e affronta temi importanti come la politica, la giustizia e il femminismo. Tuttavia, ha un difetto fatale: è troppo lunga.

Le prime tre/quattro stagioni sono davvero ottime, poi la serie inizia a trascinarsi e a ripetersi. Le storie diventano sempre più improbabili e i personaggi perdono di spessore.

Di questa serie ne è stato fatto anche uno spin-off “The Good Fight“, carina, ma non tra le mie 13 serie tv preferite. 7 stagioni.

7/10

  • Dr. House

Le serie medicali sono quelle che amo maggiormente, e tra le 13 serie tv preferite non poteva mancare il dottore tossico e pazzo.

Ha debuttato nel 2004 e che è andata avanti per otto stagioni. La serie racconta la storia del Dr. Gregory House, un medico brillante e geniale, ma anche un uomo cinico, misogino, arrogante e tossico.

La serie è un mix perfetto di giallo, dramma e commedia. House è un personaggio iconico, interpretato magistralmente da Hugh Laurie. Le storie sono ben scritte e coinvolgenti, e i colpi di scena non mancano. 8 stagioni.

Tra le mie preferite.

9/10

  • Suits

un altra delle mie 13 serie tv preferite è Suits.

2011 USA, e che è andata avanti per nove stagioni. La serie racconta la storia di Mike Ross, un genio del diritto dalla memoria fotografica, che, senza laurea, viene assunto come associato presso lo studio legale Pearson Hardman.

Le prime 4 stagioni sono imperdibili, poi la serie diventa prolissa e stiracchiata. Nel 2023 ha avuto una seconda giovinezza ed è stata una delle serie più viste dell’anno. 9 stagioni.

7/10

  • Lilyhammer

Steven Van Zandt, il chitarrista delle E Street Band, potevo non vedere questa serie!?!?!?

Questa è la prima cosa che mi viene in mente quando penso a Lilyhammer, la serie tv norvegese che racconta le vicende di Frank Tagliano, un boss mafioso che viene trasferito sotto copertura a Lillehammer, in Norvegia, dopo aver testimoniato contro i propri pari.

Frank Tagliano è un personaggio irresistibile. È un mafioso vecchio stampo, ma è anche un uomo di buon cuore. È un uomo che si trova a dover fare i conti con una nuova realtà, che è molto diversa da quella che conosceva.

La serie è ambientata in una cittadina norvegese, e questo crea un contrasto divertente tra la cultura mafiosa italiana e la cultura norvegese. 3 stagioni.

7/10

  • Sherlock

Sherlock è interpretato da Benedict Cumberbatch, che è semplicemente fantastico nel ruolo. È un genio, un drogato, un sociopatico, ma anche un uomo affascinante e carismatico.

La serie è ambientata nella Londra moderna, ma è ispirata alle storie di Arthur Conan Doyle. Le storie sono ben scritte e coinvolgenti, e i colpi di scena sono pazzeschi.

La serie è anche molto divertente, grazie alla comicità irriverente di Sherlock e del suo fidato assistente, John Watson, interpretato da Martin Freeman.

Sherlock è una serie tv da vedere assolutamente, anche se non siete fan dei gialli. È una serie che vi terrà incollati allo schermo. 4 stagioni.

9/10

  • Law e Order

Tra le 13 serie tv preferite che ho visto più volte c’è senza alcun dubbio Law & Order, una serie tv che non invecchia mai, e essendo composta da 20 stagioni può essere vista e rivista infinite volte, anche perché ogni stagione è composta in media da 24 puntate, una cosa pazzesca.

Questa è la prima cosa che mi viene in mente quando penso a Law & Order, la serie tv americana che racconta le vicende di un dipartimento di polizia e di un ufficio del procuratore distrettuale di New York.

La serie è stata creata da Dick Wolf nel 1990, ed è andata avanti per ben 20 stagioni. In tutto, sono stati prodotti oltre 400 episodi.

Law & Order è una serie tv classica, che ha contribuito a definire il genere del procedurale poliziesco. Le storie sono ben scritte e coinvolgenti, e i colpi di scena non mancano.

La serie è anche molto realistica, e offre un’immagine fedele del sistema giudiziario americano.

La miglior serie avvocatizia poliziesca, è interessante anche perché essendo state prodotte 20 stagioni, si può vedere come il modo di fare le indagini cambino nel corso degli anni, grazie alla tecnologia che segue l’evoluzione temporale della serie. 22 stagioni, in corso.

“È una delle serie televisive statunitensi più longeve, superando Bonanza (1959-1973), Dallas (1978-1992) e California (1979-1993) con sei stagioni in meno e pari merito per numero di stagioni con Gunsmoke (quest’ultima tuttavia con circa 200 episodi in più). La serie è stata superata da I Simpson (in onda ininterrottamente dal 1989) e dallo stesso spin off Law & Order – Unità vittime speciali.

La longevità e la popolarità avute negli anni hanno permesso a Wolf di generare un franchise, comprendente sette spin off (Law & Order – Unità vittime speciali, Law & Order: Criminal Intent, Law & Order – Il verdetto, Conviction, Law & Order: LA, Law & Order True Crime e Law & Order: Organized Crime), un film per la televisione (Omicidio a Manhattan), un remake anglosassone (Law & Order: UK) e uno francese (Law & Order: Criminal Intent Parigi).” Fonte Wiki

10/10

  • The Mentalist

The Mentalist, la serie tv americana che racconta la storia di Patrick Jane, un consulente psichico che aiuta l’FBI a risolvere casi di omicidio.

Jane è un personaggio iconico, interpretato magistralmente da Simon Baker. È un uomo affascinante, carismatico e intelligente, ma anche un po’ arrogante e cinico.

La serie è ambientata a Sacramento, in California, e le storie sono ben scritte e coinvolgenti. I colpi di scena non mancano, e le indagini sono sempre molto intricate.

The Mentalist è una serie tv che vi terrà incollati allo schermo, e vi farà riflettere sulla natura umana. È una serie che vi farà scoppiare i cervelli, nel senso buono del termine. 7 stagioni.

8/10

  • Perception

Perception: un genio schizofrenico che fa le indagini

Will Graham, un genio e docente universitario di neuroscienza che collabora con l’FBI per risolvere casi di omicidio.

Graham è un personaggio complesso, interpretato magistralmente da Eric McCormack. È un genio, ma è anche schizofrenico. Ha visioni e allucinazioni che lo aiutano a risolvere i casi, ma che lo rendono anche instabile.

E questa era l’ultima delle mie 13 serie tv preferite, certo, ce ne sono tante altre che mi piace rivedere, però direi che queste sono quelle che ogni tanto attacco senza una logica conseguente. 3 stagioni.

7/10

Extra serie – White Collar

Una serie extra delle 13 serie tv preferite, niente di eclatante, ma piacevole e dai toni leggeri, ottime le idee per le truffe, attori perfetti, e la serie non annoia mai.

Neal Caffrey è uno dei più grandi truffatore del mondo, con un talento naturale per l’inganno e un carisma irresistibile. Peter Burke è un agente dell’FBI determinato a catturarlo, ma anche affascinato dalla sua intelligenza e dal suo stile di vita. I due uomini, inizialmente nemici giurati, finiranno per collaborare per catturare altri criminali, ma anche per aiutarsi a vicenda a superare i propri problemi personali.

La serie è creata da Jeff Eastin ed è incentrata sulla collaborazione tra un agente dell’FBI, Peter Burke (Tim DeKay), e un abile truffatore, Neal Caffrey (Matt Bomer).

La serie ha un’impostazione classica da crime, con casi da risolvere e cattivi da catturare. Tuttavia, ciò che la rende davvero speciale è il mix di generi che la caratterizza. White Collar è infatti anche una comedy, con dialoghi brillanti e situazioni divertenti, e un buddy movie, con la storia di un’amicizia che nasce tra due uomini molto diversi tra loro.

7/10

Ti potrebbe interessare:

10 serie tv imperdibili da vedere o rivedere assolutamente

Il Miracolo serie tv con la miglior colonna sonora di sempre

7 film e serie tv 2023 da non perdere questa estate

Tulsa King Treason The Bad Guy e i Templari serie tv 2022

Netflix e le piattaforme digitali film serie tv a confronto

8 serie tv da vedere 2022 e come evitare quelle brutte

13 serie tv preferite.