Quando Frank Zappa suonò con i Pink Floyd 1969

0
5.051 views
pink floyd_frank zappa image via youtube

E’ il 25 ottobre 1969, siamo in Belgio all’Actuel Festival di Amougies.

In quel festival assieme ai Pink Floyd suonano anche Ten Years After, Archie Shepp, The Nice, Art Ensemble of Chicago, Yes, Gong, Soft Machine, Pierre Lattès (fonte wikipedia); in più durante l’esibizione della band sale sul palco Frank Zappa che aveva appena pubblicato il leggendario Hot Rats.

In uno scenario davvero surreale, le immagini mostrano l’emozione e la sorpresa divertita della band, di Gilmour sopratutto, mentre Zappa improvvisa senza soluzione di continuità durante quasi tutto il brano.

Anche Zappa sembra alquanto imbarazzato e attende di capire cosa fare fino a quando attacca degli assolo davvero strambi e all’apparenza fuori luogo; in realtà Zappa si insinua in “Interstellar overdrive” come un serpente che pian piano stritola nelle sue spire la povera vittima. I Pink Floyd restano sorpresi della performance dell’artista di Baltimora e la session diviene un flusso indeterminato di suoni psichedelici.

Mason è come sempre “ingobbito” sulla sua batteria ma ha sempre lo sguardo verso Zappa, che attende per ben 4 minuti prima di iniziare l’assolo con la sua Fender.

Va altresì sottolineato lo sguardo decisamente allucinato di Roger Waters.

Questa leggendaria jam comparve in moltissimi bootlegs, poi 11 novembre del 2016 i Pink Floyd pubblicarono il mastodontico “The early years 1965 – 1972” dove inserirono questo fantastico documento.