Moses Sumney l’oscuro mondo di Rank & File il nuovo video

0
297 views
Moses Sumney - video 2018

Lo scorso anno pubblicò “Aromanticism”, un disco che ti sbatte da una parte all’altra del mondo, dalla sua terra d’origine, il Gana, fino alla Los Angeles più oscura.

E si, ricorda anche Thom Yorke in un ipotetico duetto con Nina Simone, “Aromanticism” vedeva anche la presenza di Paris Strother e di Thundercat.

Questo è un nuovo brano incredibilmente ispirato, che però non compare nel suo disco d’esordio, un giocoso approccio che ricorda lontanamente lo “scat”; Moses Sumney usa tre microfoni ed un recorder per cantare le basi del brano su cui poi gigioneggierà con molta perizia.

 

Guarda il nuovo video

Racconta Moses Sumney

“In un estratto dal Simposio di Platone , Aristofane racconta le origini dell’amore. Secondo la sua mitologia greca, gli umani erano una volta a quattro zampe, con quattro braccia e con due sessi. Temendo che gli esseri umani diventassero troppo potenti, la divinità Zeus li tagliò a metà, lasciando le loro teste rivolte verso l’interno in modo da poter misurare eternamente le assenze dei loro corpi. Erano quindi condannati a sentirsi incompleti finché non trovarono le loro altre metà. E quando lo facevano, si abbracciavano a vicenda e tessevano la loro carne nel tentativo di diventare di nuovo uno.

Nella Genesi della Bibbia , dopo aver creato Adamo (il prototipo), Dio si rende conto che richiede un compagno. Strappa una costola dal corpo di Adamo e genera Eva, un compagno permanente per tutta la vita.

Molte delle storie sull’origine della nostra specie stabiliscono questo modello per la convivenza – che ogni corpo ha un corpo uguale e opposto, un compagno destinato senza il quale siamo incompleti. Il nostro moderno costrutto di romanticismo sostiene ancora questo paradigma; l’amore romantico è il premio fondamentale dell’esistenza. Ma cosa succede se non riesco ad accedere a quel premio?”