La recensione di Your Own Story dei polacchi Distant Dream

0
234 views

Uscito a Maggio 2018, recuperiamo questo ottimo album che si chiama “Your Own Story” secondo lavoro dei Distant Dream, la “one-man-band” dietro cui si cela il chitarrista polacco Marcin Majrowski, arrangiatore, compositore ed esecutore della gran parte delle tracce di questo lavoro.

Per l’occasione il “buon” Majrowski si è avvalso della collaborazione alcune Special Guest, che hanno partecipato alle registrazioni di tre diverse tracce. Pierre Danel su “Images”; Stel Andre suona “Gradient Space” e in “Darkest Moment” , Morgan Thomaso.

Le sonorità che caratterizzano le nove tracce di “Your Own Story” sono indubbiamente vicine al Post-Rock con forti richiami al Rock Progressivo, soprattutto lì dove le chitarre si inaspriscono per dare vita a muri sonori dalle ritmiche più solide e compatte.

In questo particolare viaggio sonoro interamente strumentale, vi troverete ad attraversare atmosfere crepuscolari, caratterizzate da melodie dilatate, con dense ripetizioni di pattern dai suoni minimali. Arpeggi in delay si fondono a morbidi tappeti di tastiera in un alternarsi di ritmiche crescenti e decrescenti. Un susseguirsi elegante di intrecci armonici che si risolvono in aperture maestose e di più ampio respiro, dimostrando la notevole ricchezza musicale dell’autore.

Sono le distorsioni di “Lost in The Univers” o “Endless Destination” ad inasprire – ma anche movimentare – le elettricità rarefatte delle chitarre, uscendo dallo schema sonoro ricorrente, per mostrare l’altra anima dell’autore e mente dei Distant Dremer. Sono momenti come “Darkest Moment” o “Images” che mostrano le capacità tecniche di Majrowski, che si lascia andare nel suo lato più virtuoso, con assoli puliti e cristallini in tipico stile Prog-Rock .

Decisamente un lavoro di gradevole ascolto, che ha il pregio di far viaggiare la mente dell’ascoltatore esplorando spazi sonori di grande atmosfera, intervallati da piacevoli “soste” su dimensioni più complesse e di notevole eleganza.

Stefano Di Ielsi


Tracklist:
1. Images – 5:01
2. Luminosity – 4:57
3. Gradient Space – 4:48
4. Reflection – 5:28
5. Lost in The Universe – 4:20
6. Falling Leaf – 4:38
7. Darkest Moment – 4:51
8. Endless Destination – 3:56
9. Until It’s Over – 2:13